MotoGP, Gp Francia 2015: le pagelle

Lorenzo-MotoGp2-libera-per-fini-editoriali.jpg

Un bellissimo Gran Premio di Le Mans, quello che si è svolto ieri in MotoGP sul circuito Bugatti. Dopo una mattinata nella quale Marc Marquez aveva stupito tutti per il ritmo che lui e la sua Honda dimostravano di poter tenere, una gara assolutamente inaspettata, ha visto lo stesso campione del mondo 2014 essere in grave difficoltà, arrendendosi al passo di Yamaha e Ducati, e un Jorge Lorenzo che ha dimostrato di essere tornato in palla, inserendosi prepotentemente per la vittoria finale. 

 

LE PAGELLE:

 

Jorge Lorenzo, 10: si capisce sin da subito che anche questo sarà uno dei suoi weekend. Già dal venerdì inizia a scandire il ritmo, lasciandosi sempre alle spalle il compagno di squadra Rossi. Nel warm up prima della gara non sembra più avere un grande vantaggio, anzi sembra essere costretto ad inseguire Marquez, ma iniziata la corsa scatta, spinge e scappa, vincendo il secondo Gran Premio consecutivo.

Valentino Rossi, 8: non può davvero nulla contro un Lorenzo così. Disastroso sia nelle prove libere che in quelle ufficiali, non trova mai il feeling con la moto, dando spesso l’impressione di non essere minimamente competitivo. Dopo tre curve però inizia ad attaccare Marquez e una volta superato, infila entrambe le Ducati. Gira su ottimi tempi nel corso di tutta la gara ma quando trova pista libera davanti, il suo compagno è già troppo lontano. Serve una vittoria al Mugello.

Andrea Dovizioso, 7,5: Mister costanza sale sull’ennesimo gradino del podio stagionale, sottolineando ancora una volta che la sua Ducati è altamente competitiva, e che lui ha le carte in regola per stare con i top rider della categoria. Prova a tenere il passo di Rossi ma ad un certo punto deve abdicare. Bravo.

Marc Marquez, 6,5: il voto sarebbe più basso ma le Honda sono davvero in difficoltà. Dopo una super qualifica, la domenica mattina, durante il warm up, sottolinea la sua superiorità. Nonostante questo, in gara non è mai pericoloso ed è costretto a rischiare per mantenere la ruota dei migliori. Commette un errore in frenata che lo costringe nel finale a dover lottare con Smith e Iannone per il quarto posto. Grandissimo in bagarre.

Andrea Iannone, 7,5: la spalla è dolorante e non poco. Parte benissimo, resta in terza posizione nella prima parte del Gran Premio per poi cedere la posizione a Rossi. Il quarto posto sembra tranquillo, ma deve fare i conti con la stanchezza. Lotta come un leone con il talento di Cervera ma alla fine si arrende.

Bradley Smith, 7,5: bravissimo a mantenere un ottimo ritmo nel corso dei ventotto giri, si ritrova quasi subito davanti a Marquez. Nel finale è anche lui nella bagarre per il quarto posto ma non può nulla e si accontenta della sesta posizione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

enrico.giorgi@oasport.it

Foto: Yamaha

Lascia un commento

Top