LIVE – Giro d’Italia 2015: all’Abetone il primo arrivo in salita in Diretta Scritta

Quinta-tappa-Giro-dItalia-2015-800x689.jpg

Dopo la spumeggiante giornata di ieri, che ha visto l’incoronazione del giovane Davide Formolo a La Spezia, il Giro d’Italia 2015 riparte proprio dalla cittadina ligure per la sua quinta tappa. 152 chilometri prima dell’arrivo all’Abetone, primo arrivo in salita della Corsa Rosa. Pendenze non eccessive, ma alcuni tratti che potrebbero fare male a 24 ore dal primo testa a testa tra i big che ha visto uscire sconfitto Rigoberto Uran Uran.

OA vi proporrà la Diretta Scritta della frazione, per seguire LIVE tutte le fasi calde della corsa.

La presentazione della tappa 

17.14: ottimo Fabio Aru che va a prendere gli abbuoni del terzo posto. Alberto Contador in Rosa con pochissimi secondi di vantaggio. Lontani tutti gli altri.

17.10: Polanc si avvia verso uno strepitoso successo. Continua il ritmo di Landa per Aru, sempre attaccati Porte e Contador.

17.06: i tre assi del Giro se ne vanno. Staccati tutti gli altri a partire da Rigoberto Uran.

17.04: riparte Fabio Aru! Ci sono con lui Contador, Porte e il compagno di squadra Mikel Landa.

17.03: scatta in prima persona Alberto Contador ai -5km. Subito al contrattacco Fabio Aru e Richie Porte.

17.01: perde contatto la Maglia Rosa di Simon Clarke.

16.59: ancora all’attacco Pirazzi e ancora davanti l’Astana.

16.57: ci prova anche Mikel Landa, compagno di squadro di Fabio Aru. Ma la Tinkoff risponde presente.

16.52: comincia la bagarre in gruppo. Scatta Rosa, subito raggiunto da Basso. Rilancia Stefano Pirazzi. Davanti sempre Polanc, con 20” di vantaggio su Chavanel, a 4′ il gruppo.

16.46: scatti e controscatti tra gli attaccanti. Se ne va da solo Jan Polanc (Lampre-Merida) ai -10km dal traguardo. 4′ il ritardo del gruppo.

16.37: comincia l’Abetone anche per il gruppo, 5′ il ritardo.

16.31: a tutta il plotone, altro minuto recuperato. Inizia l’Abetone!

16.25: aumenta l’andatura nel gruppo, sotto gli 8′ il gruppo. I fuggitivi stanno per approcciare l’ascesa finale.

16.19: ancora nove i minuti di vantaggio della fuga sul gruppo. Molte possibilità di arrivare. Non si muovono ancora le squadre dei big nel plotone.

16.09: cambia la situazione in testa al gruppo. Si mette a tirare la Nippo Fantini di Damiano Cunego.

15.48: 40 km al traguardo, fase stabile di corsa. Il gruppo non aumenta il ritmo e la fuga continua ad avere 10’30” di vantaggio.

15.18: quando mancano una sessantina di chilometri alla conclusione il vantaggio dei fuggitivi è di oltre 10′.

15.08: si è rialzato Malaguti, Orica-GreenEDGE in testa al gruppo.

14.50: 82 chilometri alla conclusione, la situazione è pressoché invariata. Malaguti, però, perde ancora terreno e ora è a 4′ dalla testa della gara. Domont il primo a transitare sul GPM di Foce Carpinelli.

14.36: il gruppo ha mollato e ora paga 9′ di ritardo dalla testa della corsa. Malaguti a oltre 2’30” dai fuggitivi.

14.17: difficile situazione per Malaguti, letteralmente nella terra di nessuno.

14.00: sono 5 gli uomini al comando della corsa. Axel Domont (Ag2r La Mondiale), Serghei Tvetcov (Androni Sidermec), Silvan Dillier (BMC), Sylvain Chavanel (IAM) e Jan Polanc (Lampre Merida) hanno margine su Alessandro Malaguti (Nippo-Vini Fantini), unico inseguitore. Il gruppo è a circa 4′.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Tag

Lascia un commento

Top