Judo: i ranking mondiali maschili dopo il World Masters di Rabat

Judo-Georgii-Zantaraia.jpg

Il World Masters di Rabat (Marocco) ha dato uno scossone alle classifiche mondiali di judo, assegnando inoltre punti pesantissimi per le qualificazioni olimpiche. Vediamo dunque la situazione delle sette categorie maschili con un occhio di riguardo per gli Azzurri.

60 KG

Il campione mondiale Boldbaatar Ganbat resta al comando della classifica, ma alle sue spalle risale al secondo posto il giapponese Naohisa Takato, vincitore a Rabat. Terzo è il georgiano Amiran Papinashvili, mentre Carmine Di Loreto è l’unico azzurro presente tra i migliori cento del mondo, distante più di cento punti dalla possibilità di qualificazione olimpica.

1 Boldbaatar Ganbat MGL
2 Naohisa Takato JPN
3 Amiran Papinashvili GEO
4 Orkhan Safarov AZE
5 Kim Won-Jin KOR
6 Sharafuddin Lutfillaev UZB
7 Beslan Mudranov RUS
8 Amartuvshin Dashdavaa MGL
9 Felipe Kitadai BRA
10 kherlen Ganbold MGL
11 Yeldos Smetov KAZ
12 Ilgar Mushkiyev AZE
13 Eric Takabatake BRA
14 Hovhannes Davtyan ARM
15 Tobias Englmaier GER
16 Toru Shishime JPN
17 Shinji Kido JPN
18 Vincent Limare FRA
19 Rustam Ibrayev KAZ
20 Ludwig Paischer AIUT

97 Carmine Maria Di Loreto 
132 Fabio Andreoli
202 Fabio Basile

66 KG

Il successo del World Masters ha proiettato l’ucraino Georgii Zantaraia al primo posto nel ranking della categoria, scavalcando l’ex leader Mikhail Pulyaev (Russia) ed il mongolo Tumurkhuleg Davaadorj. Risale anche il medagliato d’argento Dzmitry Shershan (Bielorussia), ora quarto davanti al tre volte campione mondiale Masashi Ebinuma. Elio Verde è tra i migliori cinquanta, ma deve recuperare settantaquattro punti al campione europeo Loïc Korval (Francia) per rientrare nella zona qualificativa a Rio 2016.

1 Georgii Zantaraia UKR
2 Mikhail Pulyaev RUS
3 Tumurkhuleg Davaadorj MGL
4 Dzmitry Shershan BLR
5 Masashi Ebinuma JPN
6 Charles Chibana BRA
7 Kengo Takaichi JPN
8 Colin Oates GBR
9 Nijat Shikhalizada AZE
10 Tomofumi Takajo JPN
11 Loïc Korval FRA
12 Rishod Sobirov UZB
13 Kamal Khan Magomedov
14 Sebastian Seidl GER
15 Sugoi Uriarte ESP
16 Antoine Bouchard CAN
17 Alim Gadanov RUS
18 Houd Zourdani ALG
19 An Ba-Ul KOR
20 Golan Pollack ISR

50 Elio Verde
81 Emanuele Bruno
111 Matteo Piras

73 KG

Grazie ai risultati di Rabat, l’azero Rustam Orujov ed il russo Denis Iartcev sono risaliti ai primi due posti della classifica, relegando in terza posizione l’olandese Dex Elmont. Guadagna la quinta posizione il campione mondiale Riki Nakata (Giappone). Andrea Regis è virtualmente qualificato a Rio 2016, con quarantasei punti di vantaggio sul primo degli esclusi.

1 Rustam Orujov AZE
2 Denis Iartcev RUS
3 Dex Elmont NED
4 Nugzari Tatalashvili GEO
5 Riki Nakaya JPN
6 Sagi Muki ISR
7 Victor Scvortov UAE
8 Rok Drakšič SLO
9 Dirk Van Tichelt BEL
10 Hong Kuk-Hyon PRK
11 Miklós Ungvári HUN
12 Alex William Pombo da Silva BRA
13 Shohei Ono JPN
14 An Chang-Rim KOR
15 Tsagaanbaatar Khashbaatar MGL
16 Nyam-Ochir Sainjargal MGL
17 Pierre Duprat FRA
18 Ugo Legrand FRA
19 Musa Mogushkov RUS
20 Lasha Shavdatuashvili GEO

32 Andrea Regis
48 Enrico Parlati
50 Marco Maddaloni

81 KG

Restano invariate le prime tre posizioni del ranking, con il campione mondiale georgiano Avtandili Tchrikishvili che precede il francese Loïc Pietri ed il canadese Antoine Valois-Fortier. Recupera invece nove posizioni il giapponese Takanori Nagase, ora quarto. Antonio Ciano, ventottesimo, è ampiamente all’interno della lista dei qualificati virtuali alle Olimpiadi.

1 Avtandili Tchrikishvili GEO
2 Loïc Pietri FRA
3 Antoine Valois-Fortier CAN
4 Takanori Nagase JPN
5 Victor Penalber BRA
6 Ivan Nifontov RUS
7 Travis Stevens USA
8 Sergiu Toma EAU
9 Khasan Khalmurzaev RUS
10 Alan Khubetsov RUS
11 Kim Jae-Bum KOR
12 Sirazhudin Magomedov RUS
13 Sven Maresch GER
14 Ushangi Margiani GEO
15 Szabolcs Krizsán HUN
16 Joachim Bottieau BEL
17 Roman Moustopoulos GRE
18 Keita Nagashima JPN
19 Uuganbaatar Otgonbaatar MGL
20 Emmanuel Lucenti ARG

28 Antonio Ciano
70 Massimiliano Carollo
83 Matteo Marconcini

90 KG

Anche in questo caso, le prime tre posizioni restano invariate. A guidare il ranking è il georgiano Varlam Liparteliani, che precede l’ungherese Krisztián Tóth e l’olandese Noël Van ‘t End. Risale in quarta posizione l’altro georgiano Beka Gviniashvili, mentre il campione mondiale Ilias Iliadis è sesto. Walter Facente conserva la sua quindicesima posizione e resta saldamente all’interno dei qualificati virtuali a Rio 2016.

1 Varlam Liparteliani GEO
2 Krisztián Tóth HUN
3 Noël Van ‘t End NED
4 Beka Gviniashvili GEO
5 Gwak Dong-Han KOR
6 Ilias Iliadis GRE
7 Kirill Denisov RUS
8 Kirill Voprosov RUS
9 Mashu Baker JPN
10 Yuya Yoshida JPN
11 Asley González CUB
12 Daiki Nishiyama JPN
13 Alexandre Iddir FRA
14 Komroshokh Ustopiriyon UZB
15 Walter Facente ITA
16 Sherali Juraev UZB
17 Tiago Camilo BRA
18 Guillaume Elmont NED
19 Aleksandar Kukolj SRB
20 Joakim Dvärby SWE

98 Giuliano Loporchio
167 Giovanni Carollo
200 Fabio Miranda

100 KG

Pochissimi cambiamenti nel ranking di questa categoria, sempre comandato dal campione mondiale ed europeo Lukáš Krpálek. Alle spalle del ceco troviamo l’azero Elmar Gasimov ed il tedesco Karl-Richard Frey, mentre il migliore azzurro è Luca Ardizio. Considerando i punti olimpici, è invece Domenico Di Guida il miglior italiano, anche se con trenta punti di ritardo sull’ultimo dei ripescati europei, l’estone Grigori Minaskin.

1 Lukáš Krpálek CZE
2 Elmar Gasimov AZE
3 Karl-Richard Frey GER
4 Dimitri Peters GER
5 Cyrille Maret FRA
6 Adlan Bisultanov RUS
7 Henk Grol NED
8 Ramadan Darwish EGY
9 Maxim Rakov kAZ
10 Martin Pacek SWE
11 José Armenteros CUB
12 Toma Nikiforov BEL
13 Elkhan Mammadov AZE
14 Luciano Corrêa BRA
15 Lyes Bouyacoub ALG
16 Cho Gu-Ham KOR
17 Ramziddin Sayidov UZB
18 Kyle Reyes CAN
19 Jason Koster NZL
20 Artem Bloshenko UKR

58 Luca Ardizio
65 Domenico Di Guida
151 Vincenzo D’Arco

+100 KG

Con il trionfo di Rabat, il francese Teddy Riner ha aumentato il proprio vantaggio in classifica sul brasiliano Rafael Silva. In terza posizione risale il russo Renat Saidov, mentre il medagliato d’argento, l’ungherese Barna Bor, è ora quinto. L’azzurro Alessio Mascetti deve recuperare quarantotto punti olimpici all’ultimo ripescato europeo, l’azero Ushangi Kokauri.

1 Teddy Riner FRA
2 Rafael Silva BRA
3 Renat Saidov RUS
4 Faicel Jaballah TUN
5 Barna Bor HUN
6 Ryu Shichinohe JPN
7 Roy Meyer NED
8 Adam Okruashvili GEO
9  Levani Matishvili GEO
10 Daniel Natea ROU
11 David Moura BRA
12 Iurii Krakovetskii KGZ
13 Takeshi Ojitani JPN
14 Marius Paškevičius LTU
15 Vlăduț Simionescu ROU
16 André Breitbarth GER
17 Maciej Sarnacki POL
18 Kim Sung-Min KOR
19 Islam El Shehaby EGY
20 Abdullo Tangriev UZB

69 Alessio Mascetti

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDOO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top