Judo, Grand Prix Zagabria 2015: Tóth e Peters festeggiano il compleanno con l’oro

Judo-Krisztian-Toth-IJF.jpg

Il Grand Prix di Zagabria 2015 ha espresso quest’oggi i verdetti per quanto riguarda le cinque categorie di peso maggiori: 90 kg, 100 kg e +100 kg per gli uomini; 78 kg e +78 kg per le donne. L’Italia è rimasta ferma alle due medaglie di bronzo conquistate nelle giornate precedenti da Valentina Moscatt ed Edwige Gwend.

La prima finale di giornata è stata quella della categoria 90 kg maschile. L’ungherese Krisztián Tóth, che ha compiuto due giorni fa ventuno anni, si è confermato come stella nascente della categoria, andando a prendersi la medaglia d’oro con un waza-ari ai danni del sorprendente tedesco Aaron Hildebrand. Il magiaro, numero due mondiale, ottiene così il primo successo stagionale dopo il bronzo del Grand Prix di Tbilisi. Sul terzo gradino del podio sono saliti invece l’olandese Guillaume Elmont e lo svedese Joakim Dvärby, mentre non hanno raggiunto le fasi finali altre due teste di serie come Noël van ‘t End (Olanda) ed Alexandre Iddir (Francia).

Numero uno del seeding tra le 78 kg, la slovena Anamari Velenšek non ha deluso le attese. La ventitreenne si è confermata campionessa della tappa croata grazie ad un ippon inflitto all’ucraina Victoriia Turks, che ha comunque ottenuto un argento che rappresenta un risultato ragguardevole. Le medaglie di bronzo sono andate al collo dell’ungherese Abigél Joó e la polacca Daria Pogorzelec. Per i colori italiani, Assunta Galeone ha sconfitto per yuko la slovena Klara Apotekar, per poi cedere alla britannica Natalie Powell ancora per yuko. La judoka della Union Jack avrebbe poi chiuso in settima posizione.

Medagliato di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, il tedesco Dimitri Peters si è regalato una medaglia d’oro nella categoria 100 kg per il suo trentunesimo compleanno, che cadrà domani. Il teutonico, già sul podio ai Grand Prix di Tbilisi e Samsun, ha inflitto un ippon all’olandese Michael Korrel. Completano il podio il portoghese Jorge Fonseca ed il ceco Lukáš Krpálek, campione europeo e mondiale in carica. Domenico Di Guida ha raggiunto gli ottavi di finale prima di incrociare sul proprio cammino il futuro vincitore del torneo.

La turca Belkız Zehra Kaya ha conquistato la medaglia d’oro nella categoria +78 kg: la trentunenne ha ottenuto il suo secondo successo in un Grand Prix dopo quello casalingo di Samsun nel 2013. In quest’occasione, Kaya ha vinto la finale con un ippon ai danni dell’olandese Tessie Savelkouls. Le tedesche Jasmin Külbs e Franziska Konitz, favorite della vigilia, hanno condiviso il gradino più basso del podio. L’Azzurra Elisa Marchiò è stata eliminata subito dalla russa Ksenia Chibisova.

Infine, tra i pesi massimi della categoria +100 kg ha primeggiato il ventenne ucraino Yakiv Khammo, campione europeo junior che ha così conquistato il suo primo successo nel circuito mondiale tra i senior. Khammo ha superato per doppio waza-ari (sinonimo di ippon) il venticinquenne rumeno Vladut Simionescu. Le ultime medaglie in palio nel torneo croato sono state conquistate da Matjaž Ceraj, al primo podio in un Grand Prix, e dall’olandese Roy Meyer, testa di serie numero uno del tabellone.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDOO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top