Giro d’Italia 2015, quinta tappa: La Spezia-Abetone. Primo esame per i big

Quinta-tappa-Giro-dItalia-2015-800x689.jpg

Dalla Liguria alla Toscana. 152 km da La Spezia al Monte Abetone. La quinta tappa del Giro d’Italia 2015 fornirà qualche indicazione sullo stato di salute dei favoriti: sul primo arrivo in salita non si potrà bluffare.

Avvio di frazione tranquillo. Dopo 47 km i corridori affronteranno l’ascesa di Foce Carpinelli, GPM di terza categoria. Molto probabile che prenda corpo una fuga.

Si attraversano le province di Massa Carrara, Lucca e Pistoia, prima di giungere, dopo il tipico “mangia e bevi” di queste zone, alle pendici dell’Abetone.

Non è una salita impossibile, ma potrebbe davvero fare male a quei big non ancora al top della condizione. E’ un’ascesa piuttosto lunga, 17.300 km. La pendenza media non è impegnativa, solo 5,4%. Tuttavia tra il sesto ed il decimo chilometro i corridori affronteranno il tratto più impegnativo, con pendenza media del 7,2% e massima del 10%.

Difficile che possa muoversi in prima persona qualche favorito: la seconda parte della salita, pedalabile, potrebbe consentire agli inseguitori di rientrare. Più probabile che i team migliori possano impiegare i propri gregari per tenere alta l’andatura e provare a scremare il gruppo. Scontato l’attacco di qualche cacciatore di tappe, come Stefano Pirazzi. Nel complesso, i distacchi si conteranno nell’ordine di una manciata di secondi. Ma già dopo questa frazione si potrà capire chi non potrà vincere il Giro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@olimpiazzurra.com

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top