Giro d’Italia 2015, le pagelle: Orica-GreenEDGE, che spettacolo! Ottima gamba per Felline

Matthews-FB-Giro-2015-e1449586247143.jpg

Foto: Pagina Facebook Giro d Italia


Terza tappa del Giro d’Italia 2015, terzo appuntamento con le pagelle ai protagonisti della Corsa Rosa, consueta rubrica durante le tre settimane di gara in territorio nostrano. Dopo la vittoria di Elia Viviani nella giornata di ieri oggi è stato Michael Matthews ad esultare sul traguardo di Sestri Levante.

MATTHEWS Michael, voto 9: seconda vittoria in due anni con la Maglia Rosa sulle spalle. L’australiano sembra gradire il simbolo del primato e conquista il terzo successo stagionale da favorito della vigilia. Il percorso sembrava essere perfetto per le sue caratteristiche e nonostante una giornata molto tirata è riuscito a resistere nel gruppo dei migliori, rendendosi poi protagonista di una volata perfetta nel finale sfruttando anche la scia di Fabio Felline.

FELLINE Fabio, voto 8: per le gambe meriterebbe qualcosa di più (e forse era il più forte in gruppo oggi) ma probabilmente parte troppo presto, esponendosi al vento e alla rimonta di Matthews che prende aria solo negli ultimi 100 metri, dove effettua il sorpasso decisivo. Ottima prestazione che fa ben sperare anche in ottica futura: di tappe adatte ce ne sono e l’azzurro della Trek può togliersi una bella soddisfazione in questo Giro.

GILBERT Philippe, voto 8: ottima condizione fisica per il belga. In fuga tutto il giorno si butta anche in volata, dove arriva a pochi centimetri da Felline e Matthews. Chiude sul podio dopo uno sprint di ottimo livello. Anche per lui, ci saranno tante occasioni per fare bene e gli inizi promettono bene.

LAGUTIN Sergey, voto 7,5: ai piedi del podio, ma ottimo piazzamento per lui e per la squadra (Katusha), molto attiva con Kochetkov (voto 8) tra i più intraprendenti e primo a passare sull’ultimo GPM.

Tiralongo, Paolini, Gavazzi, Battaglin, voto 6,5: tutti azzurri i piazzati tra il quinto e il nono posto. È mancato qualcosa ma prova incoraggiante per tutti.

Tinkoff-Saxo, voto 8: corrono come se avessero la maglia. Contador  è sempre nelle prime posizioni con i compagni che non hanno paura di spendere energie in vista delle prossime settimane per proteggere il capitano. Controllano la fuga con alcuni nomi pericolosi. Forse esagerano nel finale, ma la sicurezza non è mai troppa.

Orica-GreenEDGE, voto 9: con Matthews in maglia rosa e grande favorito per la vittoria di tappa inseriscono nella fuga Chaves e Clarke. Il primo potrebbe essere potenziale top 10 nella generale, il secondo è un corridore completo. Risultato: gli australiani non sono costretti a tirare nella prima parte di tappa, mentre nel finale entrano in azione per ricucire sulla fuga e portare Matthews in volata con Clarke in funzione di stopper tra i fuggitivi fino al ricongiungimento. Perfetti.

HANSEN Adam, voto 7: festeggia il compleanno come meglio sa fare. Va in fuga, ci prova fino alla fine ma non basta. Verosimilmente anche quest’anno proverà a portare a termine tutti e tre i grandi giri, non per questo decide di risparmiare energie e si lancia subito in avanscoperta.

ULISSI Diego, voto 6,5: non è ancora l’Ulissi dei giorni migliori, ma il peggio sembra passato. Volenteroso sin dai primi chilometri, è ancora in fuga. Ha tempo e spazio per lascare il segno in questo Giro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Giro d’Italia

Lascia un commento

Top