Giro d’Italia 2015, le pagelle della nona tappa: Astana show. Trionfo di Tiralongo

11031120_10152902913613247_6101235479234635076_n1.jpg

Si completa la prima parte di Giro d’Italia con la nona tappa, quella partita da Benevento e arrivata dopo 224 km a San Giorgio del Sannio. Terzo successo in carriera per Paolo Tiralongo nella Corsa Rosa, ennesima sfida tra i big, con Aru che guadagna un secondo sulla Maglia Rosa. Andiamo a vedere le pagelle dei protagonisti.

Paolo Tiralongo, voto 10: gregario d’eccezione il corridore siciliano. Il 37enne di Avola si prende un giorno di pausa dalla sua routine e cambia il modo di correre, andando in fuga. Strepitoso lo scatto sull’ascesa finale di Passo Serra, con il quale va a riprendere Slagter per poi staccarlo poche centinaia di metri dopo, avviandosi verso un fantastico successo in solitaria.

Steven Kruijswijk, voto 8: mai domo lo scalatore olandese della Lotto NL Jumbo. Dopo la lunghissima fuga in solitaria di ieri, che si è interrotta a pochissimi chilometri dalla vetta di Campitello Matese, altro attacco per il 27enne di Neunen che si piazza al secondo posto, dietro solo ad uno scatenato Tiralongo.

Tom-Jelte Slagter, voto 7,5: il settimo posto finale non rispecchia la grandissima prova dell’uomo della Garmin-Cannondale. L’ex campione olandese, inserito nella fuga insieme al compagno di squadra Ryder Hesjedal, prova a sfruttare la superiorità numerica avviandosi da solo negli ultimi 50km. Sembrava una mossa perfetta, peccato che sia arrivato Paolo Tiralongo ad interrompere questa tattica.

Simon Geschke, voto 7,5: tappa perfetta per le caratteristiche del tedesco del Team Giant-Alpecin. Il 29enne centra la fuga giusta ma purtroppo si fa sorprendere dall’attacco di Paolo Tiralongo e deve accontentarsi del terzo posto, dopo la piazza d’onore ottenuta l’anno scorso a Savona. Come consolazione arriva la Maglia Blu dei Gran Premi della Montagna.

Fabio Aru, voto 8: si conferma il più in forma tra i tre tenori di questo Giro d’Italia. Non è ancora riuscito a guadagnare su Contador e Porte (a parte il secondo preso nello sprint finale), ma almeno è l’unico che ogni giorno prova ad animare la corsa.

Alberto Contador e Richie Porte, voto 7: si difendono, senza particolari difficoltà.

Rigoberto Uran, voto 5: Giro iniziato male e continuato ancora peggio. Sono già più di due i minuti persi dal colombiano capitano della Etixx. Difficile recuperare nelle prossime tappe.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: pagina FB Giro d’Italia

Lascia un commento

Top