Giro d’Italia 2015: le pagelle della 19ma tappa. Spettacolare Aru, Hesjedal mai domo

CGLpyM2WQAIqxNc1.jpg

Penultima tappa dura per questo Giro d’Italia 2015, ci accingiamo al termine di questa Corsa Rosa. Sull’arrivo in salita del Cervinia a trionfare è un ritrovato Fabio Aru, davanti a Ryder Hesjedal e Rigoberto Uran. Sempre in Maglia Rosa Alberto Contador che si avvicina al trionfo di domenica. Andiamo a vedere le pagelle di questa 19ma frazione.

Fabio Aru, voto 10: una vittoria bellissima quanto inaspettata. Dopo una settimana e più in netta discesa di forma, con la clamorosa crisi sul Mortirolo e i secondi persi nelle tappe successive, lo scalatore sardo va a conquistare uno splendido successo di tappa al Cervinia. Testa, cuore e gambe in quello scatto a 8km dal traguardo concluso con un’esultanza poderosa al traguardo. Secondo posto in classifica riconquistato, domani si proverà a far di meglio.

Ryder Hesjedal, voto 7,5: mai domo lo scalatore della Garmin Cannondale. Il canadese, dopo il grande attacco di ieri, ci riprova anche oggi a sorprendere i big, provando a vincere la tappa. Purtroppo davanti a lui trova un Fabio Aru in stato di grazia e si deve accontentare del secondo posto. Un finale in crescendo per il vincitore della Corsa Rosa del 2012, lo aspettiamo anche domani sul Colle delle Finestre.

Giovanni Visconti, voto 8: una giornata in fuga per il siciliano della Movistar. Il tre volte campione italiano è il più forte tra gli attaccanti e lo si vede subito, quando scatta per conquistare punti sui GPM. Sulla penultima salita va via da solo, ma purtroppo trova il vento sfavorevole che lo frena nella sua rincorsa al successo. Approcciato il Cervinia l’Astana aumenta l’andatura e lo va a riprendere. Come consolazione arriva la Maglia Blu: obiettivo tenerla fino a Milano.

Rigoberto Uran, voto 7: Giro deludente per il colombiano che però almeno si fa vedere sul Cervinia oggi. Il colombiano, partito con i gradi di favorito per questa Corsa Rosa, chiude al terzo posto con un discreto scatto in progressione ai -5km dall’arrivo.

Astana, voto 9: si conferma la squadra più forte del Giro. Ogni giorno all’attacco, individualmente o di gruppo: due corridori sul podio virtuale (molto probabilmente anche su quello finale), quattro successi di tappa e la Maglia Bianca. Cosa chiedere di più?

Alberto Contador, voto 7,5: si limita a gestire le mosse di Mikel Landa, lasciando andare a vincere Fabio Aru. Che domani voglia lasciare il segno?

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Giro d’Italia

Lascia un commento

Top