Giro d’Italia 2015, la quindicesima tappa: Marostica-Madonna di Campiglio, Contador può allungare

15-giro.jpg

Sarà una tappa particolarmente adatta per gli scalatori e con un arrivo molto spettacolare la quindicesima frazione del Giro d’Italia 2015. Il percorso di 165 km si estende da Marostica a Madonna di Campiglio.

I primi km sono i più facili, ma la calma non dura. Dopo 50 km inizia la salita verso la Fricca, un’ascesa di 10 km al 5%, niente di eccezionale. La lunga discesa porta verso Trento, dove si attacca la statale che porta verso il Bondone, continuando però verso Vigolo Baselga e lasciando da parte la storica salita trentina. Siamo nelle Giudicarie, risalendo da Sarche nel fondovalle fino a Preore. Qui mancano 39 km all’arrivo e la tappa entra nel vivo. A Preore si svolta verso il Passo Daone, salita poco nota ma veramente difficile. Sono 8 km e mezzo con una pendenza media di poco superiore al 9% e una punta del 14%. I primi 3 km con stretti tornanti sono all’11%, poi un brevissimo pianoro introduce alla seconda parte della salita ugualmente difficile. La strada resta stretta e tortuosa in discesa, una di quelle discese che è scontato definire tecnica.

A fine discesa siamo a Spiazzo, in Val Rendena, 24 km dall’arrivo. La strada risale dolcemente fino a Pinzolo, per poi cominciare a salire in maniera un po’ più decisa dopo Carisolo. E’ comunque una salita piuttosto pedalabile quella che porta a Madonna di Campiglio, una dozzina di km al 6%. Il traguardo però non sarà quello del ’99.Una volta arrivati a Madonna di Campiglio si prosegue ancora per altri 3 km con una rampa al 12% che però si stempera quasi subito in un finale più morbido.

Per gli scalatori, già a partire dal Passo Daone troverà il terreno per fare selezione. Altrimenti la tappa potrebbe giocarsi negli ultimi 2-3 km della salita conclusiva, con la sfida tra i migliori della classifica generale. Alberto Contador ha dimostrato ieri nella cronometro di essere il più in forma tra gli uomini di classifica e potrebbe attaccare ancora, il miglior modo per difendere la sua Maglia Rosa. Fabio Aru cercherà in tutti i modi di recuperare terreno sullo spagnolo, magari mandando in avanscoperta Landa e Cataldo, che sono nella top ten.

Tra i possibili outsider, sulla salita finale potrebbero sganciarsi corridori del calibro di Damiano Cunego e Davide Formolo, ieri in difficoltà nella cronometro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top