Giro d’Italia 2015: Iljo Keisse beffa i velocisti a Milano, battuto Durbridge

CGB4h2LVAAAsWFA1.jpg

Passerella finale per il Giro d’Italia 2015. Nella 21ma ed ultima tappa della Corsa Rosa, partita da Torino ed arrivata a Milano dopo 185km percorsi ad andatura bassissima, a trionfare è il belga Iljo Keisse (Etixx-QuickStep) davanti all’australiano Luke Durbrdige (Orica), entrambi protagonisti di una fuga che è riuscita a sorprendere il gruppo. Come previsto, nessun problema per Alberto Contador (Saxo Tinkoff) che evita cadute e ritardi e va a prendersi il suo secondo Trofeo Senza Fine.

Al contrario delle altre 20 tappe, questa volta non c’è un pronti via a mille: il gruppo si muove in direzione del capoluogo lombardo ad un ritmo davvero lento, con i vari corridori che si permettono di salutare le telecamere e di andare all’ammiraglia con comodità. Primi movimenti ai -80km dal traguardo: un attacco ben orchestrato dalla BMC permette a Philippe Gilbert di conquistare il traguardo volante di Novara. Entrati nel circuito finale di Milano, una coppia ha provato ad avvantaggiarsi: Iljo Keisse, belga della Etixx QuickStep, e Luke Durbridge, australiano della Orica GreenEDGE. I due sono riusciti a prendere subito un buon vantaggio, superiore ai 30”, mentre in gruppo nessuna squadra è riuscita ad organizzarsi al meglio, mentre le forature si sono susseguite (tra i tanti anche Koenig, uomo di classifica della Sky, e Mezgec, velocista della Giant). Perfetta la gestione dei due, con Keisse che è riuscito a prevalere nello sprint finale. A regolare il gruppo il tedesco Kluge (IAM) davanti a Porsev (Katusha) e Nizzolo (Trek) che è riuscito ad aggiudicarsi la Maglia Rossa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Twitter Etixx-QuickStep

Tag

Lascia un commento

Top