Giro d’Italia 2015: Aru, che succede?

Contador-Aru.jpg

Per il secondo giorno consecutivo, Fabio Aru è apparso in lieve difficoltà. Le tappe di Imola e di Vicenza-Monte Berico si presentavano insidiose per tutti i big e non hanno certo deluso le attese: il sardo, purtroppo, è tra quelli che hanno patito i saliscendi di queste due giornate.

Se ieri era riuscito a salvarsi e, complice l’arrivo comunque pianeggiante, non aveva accusato alcunché sul piano cronometrico nei confronti di Alberto Contador, quest’oggi i mille metri del Monte Berico hanno sentenziato quello che appariva già evidente dalle prime asperità di giornata: il giovane atleta dell’Astana non era al top. Fortunatamente, il distacco di 14” accusato a Vicenza, grazie anche all’abbuono conquistato dallo spagnolo, non cambia molto in chiave classifica generale: la maglia rosa passa infatti a 17”, davvero una manciata di secondi non certo irrecuperabili nell’ultima settimana che si preannuncia esplosiva. Nel mezzo, tuttavia, ci sarà quella cronometro cerchiata di rosso da tutti che, già sulla carta, sembra sorridere maggiormente al Pistolero di Madrid: se poi Aru non dovesse affrontarla nelle migliori condizioni fisiche, il ritardo con cui debuttare nelle ultime frazioni potrebbe essere piuttosto pesante.

Ma siamo, fortunatamente, nel campo delle ipotesi. Il dato di fatto è che, nonostante due giornate poco positive, Fabio Aru si trova perfettamente in corsa per il Giro d’Italia. Certamente, lui e l’Astana dovranno capire cosa non ha funzionato: da un lato è evidente il “motore diesel” che avvantaggia il sardo su salite lunghe e impegnative penalizzandolo quindi su strappettini brevi e secchi, dall’altro però in pochi si sarebbero aspettati una sua difficoltà, seppur lieve, in queste due giornate. Banalmente, possono essere stati il freddo e la pioggia ad aver sorpreso il sardo causandogli magari qualche piccolo problema fisico: nella giornata di domani, assolutamente priva di insidie altimetriche, dovrà cercare di recuperare energie. Da sabato, infatti, si farà davvero sul serio: e da allora, momenti di crisi come quelli patiti tra ieri e oggi potrebbero costare ben più di pochi secondi.

foto: pagina Facebook Giro d’Italia

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Tag

One thought on “Giro d’Italia 2015: Aru, che succede?”

  1. Luca46 scrive:

    Ieri ero all’arrivo a Monte Berico perché speravo di vedere Aru scattare in faccia a Contador e prendersi la rosa. Io non credo che la causa siano gli strappi brevi perché la settimana scorsa ha dimostrato di mettere in difficoltà il pistolero proprio. Secondo me ha patito il freddo. Tuttavia c’è da dire che seppur in leggera difficoltà è li con Contador il futuro non può che essere roseo. La crono potrebbe assegnare già il giro a Contador. Chi mi sembra in ripresa è Uran. Concludo dicendo che è un Giro magnifico grazie ai corridori che attaccano in ogni momento. E poi Gilbert ieri in una tappa molto molto difficile ha dimostrato il gran campione che è così come Contador. Per Aru spero arrivi secondo, non sarebbe una sconfitta, poi non si sa mai il giro è ancora lungo. Bene ancora Formolo tra l’altro.

Lascia un commento

Top