Ginnastica, Trofeo 4 Nazioni – Italia, le tue pagelle: gran doppio Rocca, trio alle Olimpiadi Europee, trave stregata

Arianna-Rocca.jpg

Ieri si è disputato al PalaVela di Torino il Trofeo 4 Nazioni, Quadrangolare Internazionale tra Italia, Russia, Romania e Colombia. Di seguito il nostro consueto commento e le pagelle.

 

Una gara privata di tantissime big, capitane, pezzi forti delle rispettive Nazionali. Il livello medio è stato alzato grazie ad alcune buone prestazioni individuali. La competizione non era fondamentale per l’Italia: gli obiettivi sono ben altri e andranno preparati durante l’estate e nelle gare di settembre.

La Russia, in formazione B (e forse anche qualcosina meno), è stata brava a superare il muro dei 224 punti che ultimamente rappresenta una soglia di rilievo a livello internazionale per le posizioni che contano.

Trave stregata per l’Italia: 9 cadute sono state davvero troppe, ma molte sono state strane in uscita. Forse qualche problema con attrezzatura e tappetino? Di certo così tanti passi falsi non sono nelle corde delle azzurre. Risposta positive in ottica Baku e con qualche analisi da effettuare per il futuro.

Le azzurre sono state guidate in campo da coach Mauro Di Rienzo, proprio come accadrà alle Olimpiadi Europee. Enrico Casella ha supervisionato in borghese, ma la concentrazione è rivolta giustamente alla preparazione per i Mondiali che qualificano alle Olimpiadi.

 

ARIANNA ROCCA: 7. Ormai il doppio avvitamento è nelle sue corde e lo esegue nuovamente in maniera impeccabile dopo la prima volta del Trofeo di Jesolo, quando si avvicinò in maniera importante agli Europei di Montpellier. I giudici la premiano con un rilevante 14.950, senza bonus a differenza di quanto si vede in Serie A, tra le migliori prestazioni italiane della stagione. Peccato per una prima parte di gara difficoltosa e tuta in saluta: cadute alle parallele e alla trave, uscita di pedana al libero. Ora sotto con gli Esami di Maturità!

 

GIORGIA CAMPANA: 7. La migliore delle italiane sul giro completo, autrice di una prova di sostanza e di prova per le Olimpiadi Europee. Anche lei incappa in una caduta dalla trave (in uscita), positive le parallele (13.800) ma ancora con possibilità di miglioramento. A Baku da capitana, prima italiana a disputare Olimpiadi vere e Olimpiadi continentali, tra l’altro dopo aver gareggiato anche in un palazzetto a cinque cerchi invernali.

 

ELISA MENEGHINI: 6,5. Peccato per la caduta sul suo attrezzo, positivo il nuovo corpo libero e le diverse novità portate in gare. In un modo o nell’altro riesce comunque a conquistare un 14.00 nella sua routine (pulitissimo avvitamento al volteggio). Ora esami scolastici, poi sotto con gli allenamenti alla caccia del Mondiale.

ALESSIA LEOLINI: 6,5. Arrivano delle importanti novità sugli staggi e il risultato si vede subito, in termini di esecuzione e di risultato tecnico (13.75). Caduta dalla trave, ma quello è stato un leit-motiv della nostra Nazionale (dovuta forse anche a problemi di attrezzatura), trova modo di ribadire che al volteggio ha delle carte importanti da giocarsi. La rivedremo a Baku.

TEA UGRIN: 6,5. Inizia con le migliori parallele in casa Italia (13.900), è l’unica a passare indenne dalla tagliola della trave ma scivola in classifica a causa di due cadute al corpo libero. Era la sua seconda gara col body azzurro senior, che rivestirà tra due settimane alle Olimpiadi Europee.

 

SOFIA BONISTALLI: 6. Forse un piccolo problemino fisico patito nella prova podio ha complicato la gara. Due cadute dalla trave, risparmia coscientemente il doppio avvitamento al volteggio.

LAVINIA MARONGIU: S.V. Impegnate solo su due attrezzi. Tre cadute dalla trave, si rialza col 14.000 al volteggio.

 

Articoli correlati:

Trofeo 4 Nazioni – Trionfo Russa. L’Italia cade 9 volte dalla trave: seconda

Trofeo 4 Nazioni – Tutti i podi individuali di giornata: le migliori sono state..

Lascia un commento

Top