Equitazione: Smolders vince la tappa cinese del Global Champions Tour

Equitazione-Harrie-Smolders-FB.jpg

L’olandese Harrie Smolders si è aggiudicato quest’oggi la quarta tappa del Global Champions Tour 2015, a Shanghai. Sul percorso cinese, il trentaquattrenne ha concluso il barrage della gara in 33″57, realizzando un percorso netto in sella a Regina Z. Per lui si tratta del primo successo nel circuito, ottenendo davanti all’elvetico Pius Schwizer su Caretina de Joter (34″20) ed al britannico Michael Whitaker su Viking (34″99). Luca Maria Moneta ha ottenuto un buon nono posto in sella a Connery (1 / 79″93 al termine dei primi due round).

Con il quinto posto ottenuto nella prova odierna, il britannico Scott Brash ha invece rafforzato il suo primato nella classifica generale, approfittando dell’undicesimo posto di Luciana Diniz, la sua più prossima inseguitrice. Pius Schwizer sale invece in terza posizione.

CLASSIFICA GLOBAL CHAMPIONS TOUR 2015
1 Scott Brash GBR 105
2 Luciana Diniz POR 95
3 Pius Schwizer SUI 88
4 Bassem Hassan Mohammed QAT 66
5 Henrik Von Eckermann SWE 66
6 Pieter Devos BEL 64
7 Hans-Dieter Dreher GER
8 Sheikh Ali Bin Khalid Al Thani QAT 58
9 Laura Kraut USA 58
10 Christian Ahlmann GER 56

In giornata, sempre a Shanghai, si è svolta anche una prova contro il tempo vinta dallo statunitense Kent Farrington su Waomi (56″33), davanti al saudita Abdullah Al Sharbatly su Domingo (57″93) ed al tedesco Christian Ahlmann su Aragon Z (59″36).

Per i colori azzurri, vi segnaliamo invece il successo di Riccardo Pisani e Diamgold (67″88) nella prova contro il tempo dedicata ai cavalli giovani che si è tenuta oggi a Linz, Austria. Il binomio italiano ha preceduto in classifica il tedesco Andreas Kreuzer su Calvilot (69″42) ed il finlandese Henri Kovacs su Through the Looking Glass (69″66).

Un’altra vittoria è arrivata dal CSIO tre stelle di Drammen, in Norvegia, dove Roberto Previtali ed Ambra 83 hanno vinto una prova mista davanti al cavaliere locale Johann-Sebastian Gulliksen su Charleville (33”44) ed al binomio francese formato da Alix Ragot e Thais de Pegase (33”44). Da notare che, sempre sul percorso scandinavo, un’Italia sperimentale (Giampiero Garofalo su Corbanus, Luigi Polesello su Panama Tame, Valentina Isoardi su Vayana, Roberto Previtali su Lucaine) ha ottenuto il terzo posto in Nations Cup, nella gara vinta dall’Olanda (Jur Vrieling su Carrera VDL, Piet Raijmakers Jr su Antares, Roelof Bril su Arlando, Hen van de Poel su Willink) davanti alla Danimarca.

Infine, al CSI tre stelle di Busto Arsizio, Francesca Arioldi e Loro Piana Sellia du Bessin hanno conquistato la vittoria nel Piccolo Gran Premio battendo l’irlandese Nial Talbot, secondo, su Nicos de la Cense e lo svizzero Pierre Brunschwig, terzo in sella a Pinup de Puymalier.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top