Equitazione, Nations Cup: Italia terza ad Odense, la GB vince a La Baule

Bandiera-Gran-Bretagna-libera.jpg

In questo ricco fine settimana per il salto ostacoli, l’Italia si è presa una pausa dalla prima divisione di Nations Cup, schierando invece una squadra sperimentale ad Odense, in Danimarca, dove si tiene invece il CSIO valido per la seconda divisione europea. Nel Paese scandinavo, gli Azzurrini si sono comportati egregiamente, classificandosi al terzo posto con dodici totalità complessive. La squadra italiana era composta da Emanuele Bianchi su Vadetta v. Mettenhof, Luigi Polesello su Panama Tame, Filippo Bologni su Fixdesign Chopin e Giampiero Garofalo su Corbanus. La vittoria è andata al Belgio (Gilles Dunon su Fou de Toi v. Keihoe, Catherine Van Roosbroeck su Gautcho Da Quinta, Wilm Vermeir su Garrincha Hedoniste e Jérôme Guéry su Papillon Z), che con appena cinque penalità ha battuto la Gran Bretagna, seconda con nove punti negativi.

Sempre nel CSIO tre stelle danese, Giampiero Garofalo ha ottenuto anche un terzo posto individuale su Stolberg Della Verdina (32″88), nella prova in due fasi vinta dalla britannica Harriet Nuttall su Highland Cruiser II (31″60) davanti al belga Jérôme Guéry su Handor van T Roosakker (32″56).

La prima divisione, invece, era di scena sempre quest’oggi al CSIO cinque stelle di La Baule, in Francia, dove ha trionfato la Gran Bretagna (Joe Clee su 9 Utamaro D Ecaussines, Spencer Roe su Wonder Why, Guy Williams su Titus e Michael Whitaker su Cassionato), che con sette penalità ha battuto i padroni di casa della Francia (nove penalità) e l’Irlanda (dodici).

Nella prova contro il tempo individuale, l’irlandese Bertram Allen su Wild Thing L (63″16) ha battuto il connazionale Clan O’Connor su Aramis 573 (64″93), mentre in terza posizione ha chiuso il francese Philippe Rozier su Unpulsion de La Hart (65″71). Lorenzo de Luca si è classificato sesto con Homer de Reve (68″85).

Ancora a La Baule, ma per il CSI una stella, vi segnaliamo l’ottima seconda posizione di Martina Romagnoli su Ti Lann du Up of Heritage (36″91) nella prova in due fasi vinta dalla statunitense Molly Ohrstrom su Jimy (35″63), mentre il podio è stato completato dalla francese Géraldine Richshoffer su Ugo de La Cense (38″59).

Ci spostiamo infine ad Amburgo, dove è in corso il CSI cinque stelle che domani culminerà con la prova valida per il Global Champions Tour 2015. Quest’oggi, Emanuele Gaudiano e Cocoshynsky sono saliti sul secondo gradino del podio della prova contro il tempo in due fasi (34″85), chiudendo per un solo centesimo alle spalle del tedesco Will David su Mic Mac du Tillard (34″84), ma davanti allo statunitense Kent Farrington su Belle Fleur 38 (35″43).

Nell’altra prova contro il tempo, invece, Gaudiano ha terminato ai piedi del podio con Caspar 232 (60″46), ma l’Italia ha comunque ottenuto una seconda posizione con Andre Sakakini e H.W.’s Saskia (60″03). La vittoria di questa gara è andata all’amazzone portoghese Luciana Diniz su Sakann (58″43), mentre in terza posizione ha chiuso il tedesco Andre Schröder su Caivano (60″10).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top