Calcio – Serie A, pagelle 37esima giornata: chapeau Gasperini, riecco il Faraone

142675-400-629-1-100-83_serie-a-tim-logo4.jpg

Manca davvero pochissimo alla conclusione della Serie A 2014-2015. Il 37esimo e penultimo turno ha sancito importanti verdetti, ma non ancora definitivi, con la Juventus insaziabile e il derby capitolino vinto dalla Roma aritmeticamente seconda. Resta da assegnare il terzo posto tra Lazio e Napoli, una contro l’altra domenica al San Paolo. Il Genoa ha sconfitto l’Inter al termine di una prestazione memorabile, ma non avendo ottenuto la licenza Uefa sarà la Sampdoria a godere del posto in Europa League. Nulla da fare invece per Roberto Mancini, che lavora sì per il futuro ma deve fare i conti con un presente (e un recente passato) colmo di incertezze, mentre il Milan torna al successo e ritrova Stephan El Shaarawy, autore di due gol al Torino. Le pagelle.

Massimiliano Allegri, 9: ripercorrendo la sua ascesa dall’Aglianese alla finale di Champions, passando per Sassuolo, Cagliari e Milan, avevamo sottolineato l’importanza dei centrocampisti dinamici nel suo stile di gioco. E la Juventus, imbottita di riserve, schianta 3-1 il Napoli allo Stadium con reti di Pereyra e Sturaro, proprio i due interpreti (non protagonisti, ma indispensabili in varie occasioni) citati. Prossima fermata: Berlino. Messi attende.

Giampiero Gasperini, 9: esonerato dall’Inter dopo neanche un mese di campionato, il tecnico di Grugliasco si conferma lavoratore sodo e soprattutto garanzia di affidabilità se sostenuto da un progetto serio alle spalle portando il Genoa al 3-2 proprio sui nerazzurri, ciliegina sulla torta nell’ultima gara casalinga di una stagione da sogno.

Luca Toni, 8: e sono 21. In Serie A, quest’anno, a 38 anni oggi (auguri!). Il Verona deve ringraziarlo eccome per la salvezza, e intanto il campione del mondo del 2006 sogna il successo nella classifica cannonieri. Con la doppietta al Parma è primo: si deciderà tutto in volata contro Tevez e Icardi, entrambi a quota 20.

Luca Rigoni, 8: sbocciato con la favola Novara, l’ex clivense raggiunge quota 9 centri stagionali con la maglia del Palermo. Bottino da urlo per un centrocampista.

Rafa Benitez, 5.5: dopo l’eliminazione nella semifinale di Europa League rischia di fallire anche la qualificazione al preliminare di Champions. Il destino è appeso a un filo: servono solo i tre punti. Ma la sua avventura sotto il Vesuvio sembra destinata a terminare in ogni caso.

Di seguito i tre migliori giovani italiani dell’ultimo turno:

Stephan El Shaarawy (Milan): stagione travagliata per il Faraone, un gol con la Sampdoria, un errore nel derby d’andata che grida ancora vendetta e tanta infermeria/panchina fino alla doppietta al Torino che scaccia via ogni incubo. Ma rimarrà?

Stefano Sturaro (Juventus): dalla Serie B al Genoa alla finale di Champions con la maglia della Juventus. Tutto troppo in fretta, ma con pieno merito. Agli Europei under 21 può essere il leader.

Alessandro Florenzi (Roma): core giallorosso. Dal terzino all’ala offensiva: quest’anno ha fatto di tutto. E non ha deluso neanche nella partita più sentita, il derby.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Tag

Lascia un commento

Top