Calcio, Coppa Italia: Juventus-Lazio 2-1, le pagelle delle due squadre. Decide Matri

Logo-Juventus-calcio.jpg

Un gol di Matri nel primo tempo supplementare regala alla Juventus la Coppa Italia 2014-2015. Ora i bianconeri sono a quota due titoli: il 6 giugno a Berlino ci sarà la possibilità di conquistare il triplete contro il Barcellona.

 

Juventus

Storari, 6.5: bucato da Radu, si riscatta su Cataldi e ringrazia il palo su Djordjevic.

Barzagli, 6.5: prestazione solida, il campione del mondo è una certezza.

Bonucci, 6: meno roccioso rispetto ad altre gare, soffre la velocità di Felipe Anderson.

Chiellini, 6.5: trova il pareggio con una girata da numero nove.

Lichtsteiner, 6.5: motore inesauribile sulla destra, esce con i crampi. Dal 115′ Padoin, sv.

Pogba, 5.5: non riesce a liberare il suo solito destro e non incide. Rischia anche di regalare un assist involontario per Parolo. Dal 78′ Pereyra, 6: pedina importante.

Pirlo, 6: ancora sottotono. Perde molti palloni e non marca Radu in occasione dello 0-1. Nel finale addormenta i ritmi.

Vidal, 6.5: al solito aggressivo, ma si inserisce poco.

Evra, 7: sponda decisiva per il pari di Chiellini. Velenoso sulla sinistra.

Llorente, 5.5: lavora di fisico, ma non ha molte occasioni. Dall’84’ Matri, 7.5: un gol annullato per dubbio fuorigioco e la rete della vittoria. Provvidenziale: dopo due anni difficili si riscatta nel momento più importante della sua carriera.

Tevez, 6.5: ben imbrigliato dalla difesa laziale, si scatena nei supplementari quando la sua condizione gli permette di correre ancora rispetto agli stanchi rivali.

All. Allegri, 7: schiera la miglior formazione possibile – al netto delle squalifiche – e dopo 120′ di sofferenza ringrazia il suo pupillo fin dai tempi di Cagliari.

 

Lazio

Berisha, 5.5: il tiro di Matri è ravvicinato ma non irresistibile.

De Vrij, 6: senza infamia né lode, affidabile ma senza squilli. Dal 106′ Keita, sv.

Gentiletti, 5.5: perde qualche pallone velenoso in circostanze delicate

Radu, 7: il capitano biancoceleste trova il gol nell’appuntamento più importante, ma non basta. Esce per infortunio. Dal 71′ Mauricio, 6: appena sufficiente.

Basta, 6: bel duello con Evra, ma alla fine cede.

Cataldi, 6.5: ha sul sinistro il pallone buono ma chiude troppo la conclusione e spara su Storari. Grande personalità.

Parolo, 7: sfiora il 2-1 con un missile dalla distanza. Prestazione di quantità e qualità.

Lulic, 5.5: l’eroe della finale 2013 non riesce a lasciare il segno.

Candreva, 6.5: imprendibile per 70 minuti, crolla alla distanza.

Felipe Anderson, 6: meglio delle ultime prestazioni, ma ancora lontano parente del folletto magico di marzo-aprile.

Klose, 5.5: il panzer ex Bayern Monaco è ben isolato dai centrali della Juventus e non ha occasioni degne di nota. Dall’82 Djordjevic, 6.5: fa tremare la porta di Storari con il doppio palo in avvio di supplementari

All. Pioli, 6.5: la Lazio parte in quarta e trova il vantaggio. Dopo l’1-1 continua a controllare il pallino della sfida, ma cede ai supplementari con grande rammarico.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Lascia un commento

Top