Basket Serie A, Playoff 2015: Reggio Emilia super rimonta, Venezia buona la prima

basket-reggio-emilia-fb-pallacanestro-reggiana1.jpg

L’impresa della serata è tutta della Grissin Bon Reggio Emilia, che compie una rimonta assolutamente pazzesca e alla fine batte l’Enel Brindisi 78-76. Partita incredibile con i pugliesi che hanno chiuso il primo quarto avanti addirittura di ventitré punti (7-30). Brindisi continua a controllare la partita anche nei secondi dieci minuti e all’intervallo il vantaggio di diciotto punti sembra essere confortante per i ragazzi di coach Bucchi. Invece succede l’incredibile: il terzo quarto si apre con un 12-0 in favore di Reggio con i canestri di Kaukenas e Polonara, ma uno scatenato Cournooh replica e alla fine Brindisi è avanti ancora di dieci all’ultima sirena. Le bombe di Della Valle aprono un parziale di 10-0 che rimette in partita la Grissin Bon e a tre minuti dalla fine il tabellone segna 65-65. Nel finale e dalla lunetta Reggio Emilia è più fredda, ma proprio sulla sirena Pullen avrebbe la palla per vincere, ma il suo tiro finisce sul ferro e la Grissin Bon va sull’1-0.
Reggio Emilia ha un grande Darius Lavrinovic da 18 punti, mentre dall’altra parte non basta un David Cournooh da 18 punti e un Jacob Pullen da 16 punti.

Questo il tabellino della partita:

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – ENEL BRINDISI 78-76 (7-30; 32-50; 55-65; 78-76)

REGGIO EMILIA: Mussini, Chikoko 4, Polonara 9, Lavrinovic 18, Della Valle 13, Pini, Kaukenas 10, Cervi 6, Silins 2, Diener 5, Cinciarini 11

BRINDISI: Pullen 16, Harper 2, James 12, Bulleri, Cournooh 18, Di Salvatore, Denmon 4, Morciano, Zerini 5, Turner 5, Mays 10, Eric 4

 

L’Umana Venezia non tradisce davanti al proprio pubblico e batte in gara 1 l’Acqua Vitasnella Cantù 79-70. Non è stata certamente una partita semplice per la squadra di coach Recalcati che ha sofferto nei primi due quarti, finendo anche sotto di dieci punti con Cantù trascinata da uno straordinario Johnson-Odom da 15 punti nei primi venti minuti. Alla fine comunque all’intervallo il punteggio è 40-40 con Venezia che trova linfa nuova proprio dal neo arrivato Pietro Aradori, che chiuderà con 10 punti. Il momento decisivo arriva nel terzo quarto: Viggiano segna dieci punti consecutivi e Venezia costruisce un parziale di 18-5. Cantù non riesce proprio più a reagire e nell’ultimo quarto l’Umana deve solamente gestire. All’Acqua Vitasnella non bastano i 22 punti di Darius Johnson-Odom, mentre Venezia ha in Peric (14) e Goss (13) i migliori marcatori

Questo il tabellino della partita:

UMANA VENEZIA – ACQUA VITASNELLA CANTU’ 79-70 (18-21; 40-40; 65-55; 79-70)

VENEZIA: Stone 7, Peric 14, Goss 13, Jackson 7, Ruzzier, Ress, Ortner 4, Nelson 13, Aradori 10, Viggiano 11, Ceron, Dulkys

CANTU‘: Johnson-Odom 22, Feldeine 11, Awudu 7, Bloise, Zugno, Maspero, Jones 2, Shermadini 8, Buva 6, Gentile 6, Williams 2, World Peace 6

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto da pagina FB della Pallacanestro Reggiana

Lascia un commento

Top