Tuffi, World Series 2015: Italia a caccia delle prime medaglie

Piscina-tuffi-Kazan-2015-foto-fina.jpg

Nella suggestiva piscina di Kazan, sede dal 24 luglio al 2 agosto dei Mondiali 2015, si svolgerà nell’imminente fine settimana la terza tappa delle World Series di tuffi. Tania Cagnotto non sarà più sola: dopo le mancate finali di Pechino e Dubai, tenterà l’assalto alle prime medaglie con al proprio fianco Francesca Dallapè, Noemi Batki e Maicol Verzotto.

Pur non qualificati dalla Coppa del Mondo disputata a luglio 2014, infatti, i tre azzurri hanno ottenuto una wild card dalla Fina per la manifestazione in terra russa e per quella che si disputerà la settimana prossima a Londra, nella piscina delle Olimpiadi 2012. Francesca Dallapè potrà ricomporre con la fuoriclasse bolzanina la coppia di sincro sei volte campionessa d’Europa di fila, mentre Noemi Batki e Maicol Verzotto saranno di scena nel sincro misto (il secondo anche da 3 metri con Cagnotto). Ancora non si sa nulla riguardo una loro possibile presenza anche nelle gare individuali: le start list provvisorie non li riportano, ma in passato più volte gli organizzatori hanno aperto le iscrizioni anche ai non qualificati per aumentare la competitività. L’enigma verrà sciolto solo attraverso le start list ufficiali, pubblicate da Omega Timing giorno per giorno.

Per i tuffi azzurri, comunque, si tratterà di un ottimo test sia con i trampolini e le piattaforme su cui si svolgeranno i prossimi Mondiali sia per valutare il proprio stato di forma nel confronto con i migliori atleti del mondo. Francesca Dallapè ha saltato brillantemente ai recenti Assoluti di Bolzano, scavalcando per la seconda volta consecutiva quota 300 punti nell’individuale da 3 metri (nonostante un errore nel doppio e mezzo indietro), strappando il pass per gli Europei e archiviando anche quello per la rassegna iridata a discapito di Maria Marconi. Noemi Batki, anche a causa dell’assenza di rivali tra i confini nazionali, ha peggiorato il proprio score rispetto a quello che le valse il bronzo al Grand Prix di Leon a Pasqua, mentre Maicol Verzotto ha confermato le buone sensazioni di coppia proprio con la triestina come già dichiarato proprio a OA.

Chi si è vista di meno, alla fine, è stata proprio Tania Cagnotto, bloccata da un problema al piede di spinta del presalto e dai postumi di un’influenza. La bolzanina ha gareggiato solo nel sincro da 3 metri con Francesca Dallapè, sfiorando i 300 punti e ottenendo la miglior prestazione stagionale. Giunto a Kazan insieme alla squadra, il tecnico federale Oscar Bertone ci informa che il dolore al piede non è ancora svanito del tutto: lo stato di forma sarà dunque tutto da valutare nei tre giorni di gara. Poche novità tra le principali rivali: Cina, Canada, Messico e Gran Bretagna saranno al via con le atlete di prima fascia.

In campo maschile, dopo i 564.35 punti di Jack Laugher da 3 metri e i 612.75 di Qiu Bo da 10 della tappa di Dubai, si prevedono altre prestazioni monstre. L’evento sarà visibile in diretta ed esclusiva tv su Nuova Rete (canale 110 del digitale terrestre in Emilia Romagna) e in live streaming su OA.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fina

Lascia un commento

Top