Scherma, Mondiali cadetti e giovani 2015: Italia, il fioretto maschile ti regala la doppietta!

Damiano-Rosatelli-scherma-foto-augusto-bizzi-federscherma.jpg

Lunedì dell’Angelo memorabile per l’Italscherma. Ai Mondiali cadetti e giovani di Tashkent, capitale dell’Uzbekistan, il fioretto maschile porta in dote una spettacolare doppietta azzurra. Damiano Rosatelli è il nuovo campione iridato under 20, Francesco Ingargiola si mette al collo l’argento. La finale, emozionante e tirata punto su punto, premia il primo per 15-13. Grande spot per una disciplina che, una volta di più, si conferma miniera d’oro per il Bel Paese anche a settore giovanile.

Prima di accedere all’atto conclusivo i due azzurri superano rispettivamente il cinese Huang (15-13) e il coreano Yang (15-7), entrambi medaglia di bronzo. L’altro italiano al via, Tommaso Ciuti, si inchina agli ottavi di finale per 5-15 contro il futuro campione Rosatelli. “Non ci credo ancora – il commento dell’oro al sito federale -. E’ un’emozione incredibile che dedico alla mia famiglia, a mia zia ed al mio maestro Guido De Bartolomeo. Fino a due anni fa nessuno avrebbe mai creduto che un giorno potessi riuscire a salire sul gradino più alto del podio mondiale. Ed invece è successo: merito dei tanti sacrifici compiuti che oggi però hanno il loro riscatto! Mi è dispiaciuto tirare in finale contro un altro italiano e per di più proprio Francesco Ingargiola“.

Con il primo oro della manifestazione sale dunque a sette podi il bottino della spedizione italiana a questi Mondiali. La giornata di grazia dei fiorettisti non è ripagata dalle sciabolatrici, lontane dalla medaglia. Derby francese in finale: Queroli batte Brunet 15-14. Bronzo a Palmedo (Usa) e Bashta (Russia). Rebecca Gargano ed Eloisa Passaro si fermano agli ottavi, Sofia Ciaraglia nel turno delle 32.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top