Rugby, Champions Cup: Pasqua sorride a Saracens e Tolone. Il quadro delle semifinali

hi-res-6c9cd7f4cb679fab263b6596ae393cd4_crop_north.jpg

La domenica di Pasqua della Champions Cup ha espresso i propri verdetti. Saranno Clermont-Saracens e Tolone-Leinster a scontrarsi nelle semifinali della competizione europea più prestigiosa, dopo la vittoria al photofinish degli inglesi in casa del Racing Métro per 11-12 (unica vittoria esterna del weekend) e della comoda (ma fino ad un certo punto) affermazione dei campioni d’Europa in carica sui Wasps 32-18.

All’Yves-du-Manoir di Parigi la partita è bloccata ed equilibrata fin dai primi minuti, quando sono i Sarries a mettere il naso avanti con Hodgson dalla piazzola. Da una parte c’è un Racing forse poco abituato a giocare nel complesso a questi livelli, dall’altra una corazzata come quella britannica che non si fa prendere dal panico anche se il pallino del gioco è in mano ai padroni di casa. E i parigini, infatti, trovano la marcatura con Machenaud al 26′, che tuttavia non basta a chiudere avanti il primo tempo. Hodgson, al 40′, porta la contesa sul 5-6. Il match si conferma poco spettacolare anche nella ripresa, Goode porta avanti i suoi sul 5-9 ma è sempre il Racing ad avere più possesso. E tra il 60′ e il 70′ lo concretizza, con due piazzati di Machenaud per il 11-9. I parigini sembrerebbero avere la qualificazione in pugno, i Saracens non trovano sbocchi di alcun tipo ma allo scadere un fallo in ruck dei padroni di casa concede l’ultima opportunità ai Sarries. La bombarda di Marcelo Bosch, nonostante la lunga distanza, centra i pali. 11-12. In semifinale sarà nuovamente sfida con Clermont, come un anno fa.

Nel quarto di finale apparentemente più scontato, l’approccio di Tolone è di quelli da paura. I campioni d’Europa affondano subito il colpo e al 7′ sono già in meta con Bastareud. Sembrerebbe l’inizio di un calvario, ma i Wasps sono generalmente duri a morire e lo confermano una volta di più. Il giovane Lozowski piazza sei punti al 12′ e al 25′, ma dalla piazzola comincia a colpire anche Michalak. Il mediano d’apertura francese non perdona mai e sfrutta tutte le opportunità che la furia rossonera gli procura (nonostante la mischia sia letteralmente comandata da un sontuoso Lorenzo Cittadini), nella fattispecie ben quattro. I francesi, di fatto, chiudono già la partita sul 22-6. L’atteggiamento di Tolone nella ripresa, tuttavia, lascia a desiderare, gli inglesi prendono il sopravvento e al 53′ arriva la meta Wasps con William Helu. E la partita gira. Le Vespe (da sottolineare anche le prove di Masi e Festuccia) si dimostrano caparbie e risolute, Tolone è disordinato e subisce la doppietta di Helu al 72′ (25-18). I grandi campioni, tuttavia, escono sempre fuori e al 77′ è l’ex All Black Ali Williams a firmare la meta decisiva per il 32-18 finale.

Semifinali

Tolone – Leinster (Marsiglia)
Clermont – Saracens (Saint-Etienne)

Twitter: @panstweet

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top