Rugby, Champions Cup: Madigan calcia Leinster in semifinale, Clermont stellare contro i Saints!

hi-res-6c9cd7f4cb679fab263b6596ae393cd4_crop_north.jpg

Sono Leinster e Clermont le prime semifinaliste nella storia della Champions Cup. Gli irlandesi, nel primo quarto di finale di giornata, hanno la meglio nella battaglia con Bath, bello ma troppo pasticcione contro il cinismo e la solidità dei campioni celtici, vittoriosi 18-15 grazie al piede di Madigan. Senza storia il match del Marcel-Michelin, dove Clermont spazza via Northampton con un primo tempo stellare, decisivo per il 37-5 finale. Inglesi irriconoscibili.N

A Dublino l’inizio è equilibrato e, anzi, sono gli inglesi a mostrarsi maggiormente propositivi nonostante la feroce guerra fisica e tattica, ma sono gli irlandesi a passare in vantaggio. Bath, tuttavia, sembra avere le idee più chiare e al 23′ marcano con la solita intuizione geniale targata George Ford, su cui però grava il brutto errore nella conversione. Leinster, però, dimostra di essere in partita fisicamente e mentalmente, a differenza di quanto accade nel Pro12. I ball carrier fanno male alla difesa inglese, il gameplan di O’Connor è semplice ma efficace e Madigan porta avanti i suoi 9-3 al 29′. Bath, in 14 per un giallo a Watson, crea ma non concretizza, al contrario degli irlandesi: un perfetto Madigan ne mette altri sei e allunga sul 15-5 a fine primo tempo. Nella ripresa, l’approccio migliore è ancora quello degli ospiti, che vanno in meta con capitan Hooper al 48′ (15-12). Leinster risponde con le rime, fa valere una volta di più la supremazia della propria mischia e allunga ancora con un Madigan stellare dalla piazzola al 52′. Bath ci prova, carica a testa bassa ma i tanti errori di handling la frenano, tanto da segnare soltanto al 74′ con Ford per il 18-15. A nulla valgono gli assalti finali: vince la concretezza di Leinster.

I riflettori si spostano nel Sud della Francia, dove Clermont fa subito capire ai Saints su quali binari viaggerà la partita: ritmi asfissianti e intensità offensiva irresistibile. Il piazzamento di Brock James al 4′ è un antipasto, perché già al 12′ i francesi marcano: Fofana spacca in due la difesa, ovale mosso velocemente e Nakaitaci carica a testa bassa fino alla linea di meta, schiacciando il 10-0 ma dopo la convalida del TMO. I Saints faticano enormemente a costruire gioco, gli avanti di Clermont vincono la battaglia in mischia e nei punti d’incontro e offrono ripetutamente palloni invitanti agli scatenati trequarti (Fofana e Abendanon su tutti). Al 25′ James piazza il 13-0, i Jaunards continuano a deliziare il pubblico con giocate sopraffine e arriva inevitabile la seconda meta, firmata ancora Nakaitaci dopo uno splendido buco di Fofana assistito da Nalaga (20-0). Gli inglesi spariscono dal campo e Clermont affonda ancora, questa volta sull’asse Abendanon-Fofana, con la meta di quest’ultimo per il pesantissimo 27-0. La ripresa non può che essere una formalità dopo le magie del primo tempo, ma c’è spazio per la quarta marcatura firmata da un Abendanon enciclopedico (37-0) al 52′. I francesi tirano i remi in barca, giocano al risparmio e lasciano l’iniziativa ad una Northampton evidentemente scioccata. Al 59′ giallo per Bonnaire, Northampton ne approfitta e al 66′ marca i primi punti della serata con Joe Waller. E saranno anche gli ultimi dell’incontro.

Twitter: @panstweet

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top