Pentathlon, Coppa del Mondo: Fabio Poddighe al comando del ranking internazionale

Di-Luca-Poddighe-Petroni.jpg

La classifica di Coppa del Mondo del pentathlon moderno parla sempre più azzurro: ben tre atleti italiani figurano nei primi 8 della classifica di Coppa e nessun altra nazione può vantare tale primato. Pier Paolo Petroni, terzo a Roma, è all’8° posto con 82 punti, Riccardo De Luca è al 4° posto con 92 punti, e Fabio Poddighe è addirittura 1° e matematicamente qualificato per la finale di Minsk del 14 giugno. Un infortunio all’avambraccio ha limitato le performance dell’atleta sardo a Roma, dove è giunto 24esimo.

Al momento Poddighe guida la generale con 110 punti, 11 in più rispetto al vincitore della tappa di Roma, l’ucraino Tymoshcenko.

Ecco l’intervista dell’azzurro rilasciata per il sito FIPM:

E’ emozionante vedere il proprio nome li, davanti a tutti?

“Assolutamente, e di questo risultato devo ringraziare la mia società (Sport Full Time Sassari, ndr), i miei tecnici, la Federazione e tutti quelli che credono in me. Ovviamente sono soddisfatto di come sono andate queste tre prove di Coppa del Mondo, anche di quella di Roma, perché con il problema che ho al braccio non potevo fare di più. Da quando ho iniziato a fare pentathlon l’obiettivo era quello di migliorare anno dopo anno e per ora mi sembra che ci stia riuscendo bene”.

Sei già qualificato per la finale, dove ci si gioca una carta Olimpica: qual è il tuo programma di questi due mesi?

“Devo prima tornare come nuovo e sto lavorando con il fisioterapista per questo. Poi preparerò la finale di metà giugno che è l’obiettivo della stagione”.

Come la affronterai la finale?

“E’ una gara completamente diversa dalle prove di Coppa del Mondo dove devi prima qualificarti e poi fare la finale. Essendo una gara secca puoi andare benissimo o steccare del tutto. L’importante è rimanere tranquilli e fiduciosi nei propri mezzi”.

Pensi di avere le carte in regola per fare il colpo grosso, ossia di qualificarti per i Giochi di Rio 2016?

“Sto lavorando per questo e credo fortemente di poterci riuscire. Di sicuro ci proverò fino all’ultima gara che assegna la carta olimpica”.

Sei cosciente che la concorrenza interna è molto quotata?

“Certo. Sarà una bella lotta tra tutti noi perché di atleti forti in Italia ce ne sono diversi. Ma questo per me è uno stimolo aggiuntivo, perché più sono forti più il livello è alto e più sai che devi migliorare per superarli”.

Se dovessi giocarti un jolly in una gara che qualifica all’Olimpiade, dove te lo giocheresti?

“Sicuramente all’Europeo di Baku: quella è la gara in cui punto ad arrivare tra i primi otto per centrare la qualificazione diretta”.

 

RANK POINTS FIRST NAME LAST NAME DOB NATION LICENCE
1 110 Fabio PODDIGHE 15-07-1987 Italy Italy M040053
2 99 Pavlo TYMOSHCHENKO 13-10-1986 Ukraine Ukraine M002049
3 95 Jan KUF 11-05-1991 Czech Republic Czech Republic M037531
4 92 Riccardo DE LUCA 22-03-1986 Italy Italy M001819
5 90 Adam MAROSI 26-07-1984 Hungary Hungary M000964
6 87 Ilia FROLOV 04-04-1984 Russia Russia M001227
7 83 Vladislav MISHCHENKO 05-03-1994 Ukraine Ukraine M039603
8 82 Pierpaolo PETRONI 30-03-1987 Italy Italy M002137
9 81 Joseph EVANS 05-09-1993 Great Britain Great Britain M040108
10 79 Valentin BELAUD 16-09-1992 France France M038104

Foto e fonte: FIPM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@olimpiazzurra.com

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top