Motomondiale 2015: i risultati sono chiari, l’Italia è tornata

Enea-Bastianini-Moto3-Fonte-Gresini.jpg

E’ una grande Italia quella uscita dalle prime tre prove del Motomondiale 2015. Grandi campioni ci sono sempre stati, se non altro grazie a quel Valentino Rossi che proprio quest’anno sta andando alla caccia del decimo Titolo Mondiale e che ormai da molto tempo trascina tutto il movimento azzurro. Dopo i vari Biaggi, Capirossi, Melandri però qualcosa è cambiato e a dominare le tre classi sono arrivati gli spagnoli. Finalmente l’inerzia è mutata e i round sin qui disputati stanno dando dimostrazione di una crescita che non arriva a caso, ma grazie ad un ottimo lavoro che parte dal basso.

Se analizziamo la Moto3 infatti, ci accorgiamo di come l’Italia sia la nazione con il numero maggiore di piloti, nove, e ognuno di questi con buone prospettive per arrivare , un giorno, ad alti livelli. Da un Romano Fenati che ha già dimostrato di poter essere uno dei top rider della sua categoria, ad un Enea Bastianini, talentuoso, sfrontato, veloce, forse non ancora in grado di vincere la classifica generale, ma con margini di miglioramento che potrebbero permettergli una carriera prestigiosa. 

Anche nella MotoGp, Rossi è sicuramente in ottima compagnia. L’intelligenza del team di Borgo Panigale ha spinto la Ducati a credere in Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, i quali anche grazie ad un eccellente lavoro di squadra, sono riusciti sino ad oggi a regalare grandi gioie ai tifosi. Il podio tricolore all’esordio in Qatar era normalità solo pochi anni fa, ma l’esserci tornati dopo un periodo di grosse difficoltà per tutto il movimento è un segnale piuttosto positivo. 

A testimonianza che la strada intrapresa sia quella giusta, lo dimostrano anche i risultati che i piloti italiani stanno ottenendo nel CEV. Nicolò Bulega, autore di una grande stagione nel 2014, o Andrea Migno e Stefano Manzi, premiati con il salto in Moto3, rispettivamente dal Sky Racing Team VR46 e dal San Carlo Team Italia. E nel 2015, nel prestigioso campionato spagnolo, i centauri azzurri saranno ben 7, numero identico a quello dei padroni di casa. Un’inversione di tendenza inequivocabile. Il vivaio italiano sta tornando a sfornare grandi talenti. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

enrico.giorgi@olimpiazzurra.com

Foto: fonte Gresini Racing Team

 

Tag

Lascia un commento

Top