MotoGP, Gp delle Americhe 2015: Marquez super favorito. Ducati per la conferma

Marc-Marquez-MotoGP-Fonte-Honda-Libera.jpg

E’ quasi tutto pronto per il secondo appuntamento del Motomondiale 2015. Dopo aver esordito a Losail, nel Qatar, la carovana si è spostata negli Stati Uniti, in Texas. Dal 2013 Austin è diventato il quarto circuito statunitense ad ospitare un round del Campionato del Mondo dopo Laguna Seca, Daytona e Indianapolis. Nonostante l’esordio sia stato tutt’altro che positivo, Marc Marquez e la sua Honda saranno i grandi favoriti per la vittoria finale. Le statistiche infatti ricordano che nelle due edizioni fino ad ora disputate, in entrambe le occasioni c’è stata una doppietta Honda, con il Campione del Mondo primo e il suo compagno di squadra Dani Pedrosa al secondo posto. Detto che lo spagnolo di Sabadell non sarà della gara a causa del suo infortunio al braccio, ci sarà sia per le Yamaha che per le Ducati la possibilità di inserirsi per le posizioni di vertice.

Che tutto sarà più complicato sia per Valentino Rossi che per Andrea Dovizioso e Andrea Iannone lo dimostrano i numeri dello scorso anno. Nel Gran Premio del 2014 infatti Marquez ha stabilito in un solo weekend numerosi record importanti: record del circuito. record della pole e record sul giro in gara. Emblematiche anche le parole del 46 di Tavullia, il quale intervistato per capire quali saranno le sue possibilità di vittoria, ha espresso con sincerità che nel caso arrivasse un podio potrebbe ritenersi estremamente soddisfatto.

Coloro che invece arriveranno in Texas pronte a dare ancora battaglia dopo l’esordio, saranno proprio le Rosse di Borgo Panigale. Dopo aver scoperto una moto altamente positiva subito ad inizio 2015, ora entrambi i piloti italiani sono curiosi di capire come la GP15 possa trovarsi su altri circuiti. Quello di Austin, con numerose frenate e ripartenze, dovrebbe essere un tracciato abbastanza favorevole, non dimenticandoci comunque come fino ad ora sia in qualifica che in gara c’è stata la dimostrazione che tanti team sono molto vicini come tempi sul giro e passo gara, e che la minima modifica possa anche essere decisiva. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

enrico.giorgi@olimpiazzurra.com

Foto: fonte Honda

Lascia un commento

Top