Italian Softball League ai nastri di partenza: saltano Caserta e Fermana

20140906-RHIBO-LA-LOGGIA-CAMPIONE-DEUROPA-2014-Cristiano-Gatti-Oldmanagency.jpg

Il weekend pasquale inaugurerà la stagione 2015 del softball italiano con la partenza del massimo campionato: alle spalle, dunque, una lunga fase di amichevoli nelle quali le tredici squadre iscritte hanno cercato la migliore condizione.

Tredici squadre, già, perché proprio negli ultimi giorni Caserta ha alzato bandiera bianca replicando così la decisione, presa in tempi non sospetti, dall’Unione Fermana: purtroppo, in uno sport con poco seguito mediatico e difficoltà a reperire sponsor queste situazioni non rappresentano una novità, anche se certamente spiace perdere in particolare una società vincitrice di quattro scudetti consecutivi tra il 2009 e il 2012.

In ogni caso, i due gironi seguono ovviamente una logica geografica e si svilupperanno nel corso dei weekend, con due gare settimanali tra il sabato pomeriggio e la domenica mattina. Nel gruppo A, ecco Rheavendors Caronno, Rovigo, Banco di Sardegna, Legnano, Rhibo La Loggia, Stars Staranzano e Thermotechnick Bollate. Nel girone B, spazio a Taurus Old Parma, Sestese, Blue Girls Bologna, Fiorini Forlì, Labadini Collecchio e Specchiasol Bussolengo.

Alla luce dell’ultima stagione, nella quale la squadra piemontese ha conquistato anche il titolo europeo, La Loggia merita ancora grandi attenzioni: i ritorni di Femke Van Dusschotten e Amanda Fama, oltre agli innesti di Alice Ronchetti e Giulia Villirillo, rafforzano ulteriormente la compagine torinese. Piccola rivoluzione alle porte di Verona, dove la Specchiasol Bussolengo s’affida in panchina a Luisa Medina e, perse le due ragazze approdate alle rivali piemontesi, compatta il gruppo con Serena Boniardi e Giulia Longhi. Nel raggruppamento centro-settentrionale, Bollate non avrà ovviamente un ruolo secondario, anzi: tre straniere come Ellen Roberts, McKenzi Corn e Brianna McGovern potrebbero far compiere un ulteriore salto di qualità ad un gruppo storicamente costruito grazie al proprio vivaio. La Roberts si è già rivelata miglior lanciatrice alla Coppa delle Prealpi vinta proprio dalla formazione bollatese, dove ha brillato anche Elisa Cecchetti: l’altra Cecchetti, Greta, costituisce una formidabile alternativa sulla pedana di lancio.

Come riporta il sito Fibs, nel gruppo B Labadini Collecchio si presenta con maggiori ambizioni grazie agli arrivi di Mara Papucci e Meredith Owen, così come le uniche rappresentanti della Sardegna, ovvero Nuoro, credono fortemente nelle cubane Merlys Gonzales Garcia e Maibelis Iglesias Campanioni. A Parma invece è proprio un cubano a prendere in mano la guida tecnica: si tratta di Armando Aguiar, già vincitore di campionati con Legnano e La Loggia; la lanciatrice Ismy Soul Iglesias potrà davvero fare la differenza. Proprio Parma ha perso 1-0 la finale del “Memorial Giotto Savini Mario Contini” contro Stars Staranzano, la compagine friulana anch’essa rafforzata da due caraibiche come Anisley Lopez e Arianna De Armas.

Alle tre neopromosse (Rovigo, Bologna, Sestese) e alle altre formazioni, ovvero tre realtà particolarmente giovani come Legnano, Caronno e Forlì, il compito di sorprendere: per tutte, invece, la missione di continuare a sfornare talenti per uno sport che in Italia ha una tradizione ricca di successi internazionali. Gli Europei olandesi di luglio e le numerose competizioni giovanili dove saranno impegnate le selezioni azzurre richiedono infatti una continua crescita del movimento.

foto: Cristiano Gatti per Oldmanagency

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

 

 

Lascia un commento

Top