Hockey ghiaccio, Mondiali I Divisione 2015: l’Ungheria cala il poker, Italia ko

Hockey-Ghiaccio-Italia-Carola-Semino.jpg

La storia non si ripete. Se nel 2011 e nel 2013 l’Italia riuscì a spuntarla contro l’Ungheria nei match iridati di Budapest, questa volta i magiari rifilano al Blue Team un secco 4-1. Era dal 1978 inoltre che gli ungheresi non battevano gli azzurri in un evento IIHF, precisamente a Belgrado in una partita di pool-B persa dagli azzurri per 5-2.

Un match quello disputato alla Tauron Arena probabilmente decisivo in chiave promozione che ha visto i magiari superiori su ogni aspetto del gioco. Ridimensionati dal 5-0 subito dai kazaki nel match inaugurale, i ragazzi allenati da Rich Chernomaz fanno la voce grossa nel primo drittel, terminato con due reti di vantaggio. Scossa dalle reti di Daniel KogerBalint Magosi, la nazionale di Stefan Mair prova a reagire divorandosi una ghiotta occasione con Anton Bernard, incapace di realizzare solo davanti alla porta difesa da Miklos Rajna.

L’Ungheria non perdona e nel terzo drittel il rientrante Istvan Sofron, assente nelle prime due partite per una squalifica subita nel proprio club, realizza la rete del 3-0. Due minuti dopo Alexander Egger accorcia le distanze, colpendo qualche istante più tardi anche un palo che avrebbe potuto riaprire la contesa. A mettere il sigillo sulla partita ci pensa a 44 secondi dalla fine Marton Vas, bravo a siglare il definitivo 4-1 a porta vuota.

Italia – Ungheria 1:4 (0:2, 0:0, 1:2)
Reti: 0:1 Daniel Koger (10.52), 0:2 Balint Magosi (17.52), 0:3 Istvan Sofron (43.01), 1:3 Alexander Egger (45.16), 1:4 Marton Vas (59.16)

Gli incontri della terza giornata:

Kazakistan – Giappone 7:2
Italia – Ungheria 1:4
Polonia – Ucraina (ore 20)

Classifica:

1.Kazakistan 9 punti (17:4 gol fatti:subiti)
2.Ungheria 6 (8:8)
3.Italia 5 (5:6)
4.Polonia 3 (3:2) -1 partita
5.Ucraina 1 (3:7) -1 partita
6.Giappone 0 (4:13)


Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Foto Carola Semino

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

Top