Golf, Volvo China Open: Aphibarnrat cerca il bis, Crespi per brillare ancora

11025233_923497291016013_4621393900104533531_n.jpg

L’European Tour continua la sua trasferta asiatica e, dopo lo Shenzen International, tocca al Volvo China Open prendersi le luci della ribalta con l’undicesima edizione del torneo, per la prima volta ospitato dal Tomson Shanghai Pudong dell’omonima metropoli. Nonostante non sia presente alcun giocatore nella Top 50 del ranking mondiale, il field rimane di tutto rispetto e di grande qualità, con diversi interpreti in grado di offrire spettacolo.

L’indiziato numero uno per la vittoria è Kiradech Aphibarnrat, in odore di possibile doppietta dopo il successo di pochi giorni fa a Shenzen. Il thailandese avrà sicuramente gli occhi di molti addosso, ma ripetersi sarà tutt’altro che semplice vista la concorrenza, con Tommy Fleetwood tra i maggiori indiziati per disputare un torneo di alto livello oltre all’asiatico. Possono avere ottime chance anche gi altri inglesi Ross Fisher, David Howell e Tom Lewis, oltre alla solita pattuglia francese composta da Grégory BourdyRomain Wattel, Gary Stal e da Alexander Levy, campione in carica ma chiamato ad un deciso cambio di marcia qualora volesse conservare il titolo. Possono puntare ad un piazzamento importante anche i belgi Nicolas Colsaerts e Thomas Pieters, l’argentino Emiliano Grillo e lo svedese Alex Noren. Ha destato ottime impressioni, nella scorsa settimana, anche lo statunitense Peter Uihlein, potenzialmente tra i più talentuosi del lotto così come Pablo Larrazabal, anch’egli troppo incostante.

L’Italia si presenta a Shanghai con lo stesso quartetto di una settimana fa, con gli occhi puntati su quello che riuscirà a fare Marco Crespi. A Shenzen, il lissonese ha messo a referto la miglior prestazione stagionale di un azzurro con il quarto posto e, se assistito dalla medesima condizione, proverà anche a ripetersi. Va a caccia di buone sensazioni Matteo Manassero, autore di 36 buche ottime al Genzon Golf Club, salvo poi perdersi nel weekend. Renato Paratore cercherà di mantenere il passo con i migliori, mentre Edoardo Molinari proverà a scaricare sul green tutta la rabbia della recente squalifica, a causa del gesto sconsiderato del suo caddie.

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla pagina dedicata al golf!
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Credit Federgolf

Lascia un commento

Top