Giro dei Paesi Baschi 2015: bis di Purito Rodriguez, ottima Katusha

Purito-Rodriguez-Laurie-Beylier-CC-BY-SA-2.0.jpg

162 chilometri e arrivo classico sulla salita di Arrate, in quel di Eibar. La quarta tappa del Giro dei Paesi Baschi 2015 ha visto protagonista il Team Katusha, che con Joaquim Rodriguez ha conquistato il secondo successo in due giorni, dopo che lo stesso Purito si era imposto ieri a Zumarraga. 

La lunga fuga a 2 di Tony Martin (Etixx-QuickStep) e Tom Danielson (Cannondale-Garmin) si è esaurita, dopo che per lunghi tratti di gara ha mantenuto un paio di minuti di vantaggio sul gruppo, sulle prime rampe dell’ultima salita. Proprio sulle rampe della salita di Arrate ha rotto gli indugi il russo Ilnur Zakarin (Katusha), che è uscito dal gruppo con Ion Izaguirre (Movistar) e Luis Leon Sanchez (Astana). I due spagnoli si sono presto staccati, ma dal gruppo dei big ha accelerato il colombiano Sergio Henao (Team Sky), che dopo l’ottima prestazione di ieri si è confermato probabilmente come il più forte del gruppo in salita.

Nairo Quintana (Movistar) non è riuscito a rispondere, concedendo del margine al proprio connazionale. Grazie ad un ottimo lavoro di Michele Scarponi (Astana) i big sono riusciti a mantenersi a tiro dei battistrada, raggiungendoli a poco meno di due chilometri dalla conclusione nel tratto in pianura intercalato tra il GPM e l’arrivo. Nascosto per tutta la salita, dato il compagno Zakarin in fuga, Joaquim Rodriguez non ha avuto problemi ad imporsi in una volata in leggera discesa senza storia già a 200 metri dalla conclusione. Secondo posto per Bauke Mollema (Trek) seguito da Simon Yates (Orica-GreenEDGE). Sesto e primo degli italiani Michele Scarponi, che ha palesato una buona condizione di forma. Henao, grazie ai piazzamenti, ha mantenuto la prima posizione in classifica generale, con Rodriguez e Quintana in seconda e terza posizione con lo stesso tempo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Foto: Laurie Beylier

Lascia un commento

Top