Ginnastica, Europei 2015 – Tutto il regolamento e la formula: così si arriva in Finale (e si vince)

Andreea-Munteanu.jpg

Gli Europei 2015 di ginnastica artistica, in programma a Montpellier (Francia) dal 15 al 19 aprile, si avvicinano a grandi passi. Analizziamo la formula e il regolamento della manifestazione, che sarà esclusivamente a livello individuale.

 

TURNI DI QUALIFICAZIONE (15 aprile per il femminile; 16 aprile per il maschile):

Quattro suddivisioni per le donne; tre suddivisioni per gli uomini. Tutti alla caccia della qualificazione alle finali.

Non è prevista la competizione a squadre. Gli Europei, negli anni dispari, sono esclusivamente a livello individuale e riservati ai soli seniores.

Ogni Nazione può schierare massimo 4 ginnaste/i su ciascun attrezzo.

Specialità – Gli 8 atleti con il punteggio più alto su un determinato attrezzo si qualificano alla rispettiva Finale. Vengono scelte anche tre riserve per Specialità, che subentreranno in caso di infortuni e/o rinunce.

Concorso generale individuale – I 24 atleti con il punteggio complessivo più alto (la somma dei quattro risultati d’attrezzo) si qualificano alla Finale all-around. Vengono scelte anche quattro riserve, che subentreranno in caso di infortuni e/o rinunce.

Vige la regola dei passaporti: massimo 2 atleti, appartenenti allo stesso Paese, possono partecipare alla medesima Finale. Se tre o più connazionali dovessero essere tra i migliori 8 (o 24) atleti, solo i migliori due potranno partecipare alla Finale; gli altri verranno rimpiazzati da ginnasta di altra nazionalità che si sono classificati alle loro spalle.

Un Commissario Tecnico (o Direttore Tecnico, poco cambia) può scegliere se sostituire una ginnasta finalista con un’altra connazionale, a patto che quest’ultima abbia realizzato un punteggio migliore della prima riserva.

 

FINALE CONCORSO GENERALE INDIVIDUALE (venerdì 17 aprile, maschile e femminile):

24 ginnaste/i si danno battaglia per le medaglie. Si sommano i punteggi ottenuti sui quattro/sei attrezzi per stilare la classifica finale.

FINALI DI SPECIALITÀ (sabato 18 aprile e domenica 19 aprile):

8 ginnaste/i si danno battaglia per le medaglie in ciascuna specialità.

 

PARI MERITO:

  • Durante le Finali di Specialità e le Finali all-around è previsto il pari merito. Se due o più atleti, al termine della gara, hanno realizzato lo stesso punteggio, divideranno l’eventuale medaglia o comunque il posizionamento conquistato.
  • Se due atleti conquistano l’oro non è prevista l’attribuzione della medaglia d’argento (si premierà il terzo classificato con il bronzo). Se due o più atleti conquistano l’argento, non è prevista l’attribuzione della medaglia di bronzo. Se tre o più atleti conquistano l’oro non è prevista l’attribuzione di argenti o bronzi.
  • Durante i turni di qualificazione NON è previsto il pari merito. Si sciolgono utilizzando i seguenti criteri:
    • Nel concorso generale si toglie il peggior punteggio sui quattro attrezzi e si prosegue con la sommatoria dei tre/cinque punteggi rimasti. Se permane la parità si scarta il secondo peggior punteggio e via dicendo.
    • Nelle varie specialità (volteggio escluso) si guarda l’E Score: chi lo ha più alto, avrà diritto al miglior piazzamento. In caso la E sia uguale tra due o più concorrenti, la parità non viene sciolta. Nel caso in cui il pari merito riguardi l’ottavo posto, la Finale viene allargata.
    • Per il volteggio: in caso di parità, si guarda il punteggio del miglior salto. In caso sia identico, si passa all’analisi delle varie E.

 

Articoli correlati:

Europei 2015 – Programma, orari, tv e streaming

Europei 2015 – Tutto il regolamento e la formula: così si arriva in Finale (e si vince)

Europei 2015 – Medagliate e Finaliste coi punteggi 2015: Italia da sogno, dominio Russia

Europei 2015 – Italia, oggi parte la rincorsa a Montpellier! Tutte in collegiale

Europei 2015 – Sorteggiate rotazioni e suddivisioni: Italia sfortunata

Europei 2015 – SI vola a Montpellier: come acquistare i biglietti e tutti i prezzi

Lascia un commento

Top