Ginnastica, Europei 2015 – 10 emozioni delle Finali: un duello, due padroni, tre novità storiche e…

Giulia-Steingruber.jpg

Nel pomeriggio si sono disputate le prime Finali di Specialità degli Europei 2015 di ginnastica artistica. Analizziamo la gara e riviviamo le emozioni della Park&Suites Arena di Montpellier: 10 highlights per ripercorrere i momenti più importanti.

 

  • Doppietta Russia al femminile. Miss Rodionenko si porta a casa due titoli, per nulla scontata: la fortuna dell’infortunio di Sosnitskaya ha permesso a Maria Paseka di trionfare al volteggio, con il colpo di scena dell’Amanar tirato fuori in caso di emergenza; Daria Spiridonova sfila il titolo a Becky Downie e tinge d’oro le parallele. Arriva anche il bronzo di Kseniia Afanaseva per una festa davvero totale.
  • Doppietta Gran Bretagna al maschile. Louis Smith al cavallo con maniglie, Kristian Thomas al corpo libero. Si aggiunge l’argento di Rebecca Downie alle parallele. Secondo posto nel medagliere.
  • Il duello stellare tra Spiridonova e Downie non ha deluso le aspettative, anzi. Sono stati tre minuti meravigliosi, da consegnare alle teche dell’artistica come tanti altri momenti importanti della storia che andrebbero utilizzati maggiormente per diffondere la bellezza della disciplina. Un botta e risposta dal sapore autentico, il sale dello sport, la sua essenza: due rivali che si sfidano per il successo. Over 15, respiro mondiale, difficoltà esorbitanti da 6.7 incontenibili praticamente per tutto il Pianeta: spettacolare.
  • Maria Paseka ha realizzato una piccola impresa. Non era tra le convocate, il caso e l’infortunio di Alla Sosnitskaya l’ha portata a Montpellier solo il giorno prima delle qualificazioni. Accede alle Finali e trionfa, esibendo l’Amanar come secondo salto: inaspettato, non provando in riscaldamento, per lasciare attonita Giulia Steingruber e volare verso l’oro.
  • Il talento di Kseniia Afanaseva non si mette in discussione. Si rivede il doppio avvitamento nel momento più opportuno e così l’ex Campionessa del Mondo al corpo libero conquista la prima medaglia della carriera alla tavola.
  • Sanne Wevers sorprende tutti e si mette al collo un’inattesa medaglia di bronzo alle parallele. Merdinyan fa praticamente lo stesso al cavallo con maniglie e così cambia ancora la geografia dell’artistica. Sul podio Paesi Bassi e Armenia. La Svizzera, con l’argento di Steingruber e il bronzo di Braegger, è addirittura terza nel medagliere!
  • Giulia Steingruber manca lo storico tris d’oro al volteggio, dopo essersi incoronata Reginetta d’Europa nell’all-around. Un po’ di rammarico per la svizzera che si è fatta sorprendere dalla tattica di gara della Paseka, provando poi a sconfiggerla ma non avendo le armi adatte: argento a un decimo dalla leggenda.
  • Episodio storico! Viene fatto ripetere un esercizio! Non era mai successo nella storia, soprattutto su decisione della giuria (in tempi di “obbligatori”, ormai lontani vent’anni, si poteva rifare l’esecuzione su richiesta dell’atleta). C’è un errore sul cronometro al libero durante l’esercizio di Zapata (14.200, ha dovuto velocizzare l’ultima parte della prova). Lo spagnolo risale a Finale terminata, piazza il 15.000 da bronzo, poi viene ravvisata un’uscita di pedana inizialmente non riconosciuta e così scivola al 14.900 del quinto posto.
  • Promossa l’alternanza tra uomini e donne, con Finali in contemporanea. Format agile, scorrevole, veloce, rapido, capace di esaltare il potenziale di ambo i sessi, passando rapidamente da uno all’alto. Ottimizzati i tempi, sponsor e tv contente, atleti credo compiaciuti perché da parte loro non c’è perdita di minuti e di adrenalina: in attesa del punteggio si svolge un esercizio dall’altra parte dell’Arena.
  • L’Italia batte un colpo con il bronzo di Alberto Busnari al cavallo con maniglie, il quinto posto di Martina Rizzelli alle parallele, la sesta piazza di Matteo Morandi agli anelli.
  • Livello tecnico eccellente in alcune specialità. Gli anelli sono stati mostruosi e meritevoli di una Finale mondiale, oro e argento alle parallele possono ambire a traguardi iridati.

 

Articoli correlati:

Europei 2015 – Maria Paseka batte Giulia Steingruber! Decisione storica su Zapata: ripetuto l’esercizio

Europei 2015 – Busnariiiiii! Carpe diem e finalmente è bronzo dopo 11 anni di digiuno

Europei 2015 – Spiridonova vince la battaglia con la Downie! Rizzelli epica quinta, Morandi sesto

Europei 2015 – Finali di Specialità: tutte le classifiche. Russia e Gran Bretagna esagerate, l’Italia c’è

Europei 2015 – Le pagelle delle Finali. Busnari premiato, Rizzelli pollice su, fenomeni stranieri

Europei 2015 – Tutti i medaglieri aggiornati: comanda la Russia, Italia ottava

Lascia un commento

Top