Formula 1: Vettel il nuovo condottiero in rosso

Vettel-Ferrari-FOTOCATTAGNI3.jpg

Sono trascorse solo due gare dall’inizio del mondiale di F1 2015 e Sebastian Vettel è già entrato nel cuore degli appassionati come il nuovo condottiero in rosso, capace di regalare forti emozioni e soddisfazioni. Alzi la mano chi avrebbe potuto immaginare un impatto del genere del tedesco, nelle prime due corse della nuova stagione agonistica. Il podio in Australia già sembrava qualcosa da lodare, pensando a cosa fosse la Ferrari solo qualche mese fa, ma la vittoria della Malesia, la sua prima in rosso e la 40esima della  carriera, è qualcosa che, a distanza di giorni, si fa fatica a realizzare. Un week-end fantastico quello del tedesco:  qualifica da urlo, su pista bagnata, con una prima fila portata a Maranello dopo 38 gare e la vittoria la domenica dopo 667 giorni di astinenza davanti agli invincibili della MercedesUnbelievable direbbero gli inglesi ma i miracoli non esistono, c’è tanta voglia e dedizione nel raggiungimento del proprio obiettivo. La SF15-T potrebbe essere la macchina per l’isola che non c’è e nessun risultato, allo stato attuale delle cose, sembra impossibile.

Sembra davvero passato un secolo, ripensando al Cavallino Rampante griffato 2014 in cui l’anarchia regnava sovrana e le idee si perdevano nei contrasti personali dei vari clan in rosso. Ora, una ventata di novità sta travolgendo anche i più scettici e può portare a sognare. Esattamente questo, è ciò che ha provato Vettel nella sua prima vittoria: il coronamento di qualcosa sognato da sempre, fin da quando si recò, ancora bambino, a Fiorano per assistere a dei giri di prova di Michael Schumacher sulla Rossa. A distanza di più di 20 anni, sentir risuonare l’inno tedesco e italiano, in successione, desta sensazioni particolari e difficili da descrivere a parole. Un’ atmosfera che si è venuta a creare dal primo contatto di Sebastian con gli uomini in rosso che lo hanno accolto, come fosse, membro della famiglia di Maranello da sempre.

Ora il prossimo appuntamento in Cina, con la voglia di continuare a stupire e mettere in difficoltà la Mercedes su un tracciato dalle caratteristiche molto simili a Sepang. Ci sono, pertanto, tutti i presupposti per far bene per le migliorie che la vettura può apportare, pensando alle power unit potenziate e all’ottimo comportamento della macchina nella gestione degli pneumatici. 

Il countdown per ll GP cinese è iniziato, dunque, e il risultato della Malesia ha sicuramente lasciato qualcosa di più che delle speranze per il terzo round del Mondiale. Non ci resta che metterci comodo, confidenti che il nuovo condottiere in rosso sappia regalarci emozioni come queste:

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@olimpiazzurra.com

FOTOCATTAGNI

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top